null Riconfinamentoproprietàcomunale(apposizionediterminiincontradditorioC.C.)

Riconfinamento proprietà comunale (apposizione di termini in contradditorio C.C.)

Tutti i cittadini, Enti e Amministrazioni pubbliche o private e tutti i Servizi comunali possono chiedere a questo Ufficio il riconfinamento di proprietà di terzi con quelle comunali.

Come fare

  • L'Ufficio, dopo la ricezione della richiesta, raccoglie presso gli uffici competenti (Tavolare, Catasto terreni e fabbricati, Archivio di Stato, Archivio del Servizio Gestione Patrimonio Immobiliare, Archivio urbanistico) tutti i dati relativi agli immobili coinvolti, esegue quindi un sopralluogo per l'accertamento dello stato in natura dei luoghi e se necessario esegue il rilievo topografico degli stessi.
     
    Ottenuti tutti gli elementi di confronto, procede alla valutazione, in contradditorio, generalmente in contradditorio con un tecnico esterno, della corrispondenza tra lo stato in natura e i dati catastali e tavolari. 
    Sempre in contradittorio tra le parti, procede al picchettamento in natura dei confini e redige un verbale, con firma di consenso delle parti, trasmette quindi una copia del documento al richiedente e contemporaneamente segnala l'avvenuto riconfinamento all'Ufficio Archivio e Inventario dello stesso Servizio.

Entro quanti giorni: 180

Cosa fare

    • elementi di corretta ed esatta individuazione del bene

Dove andare

Sede

Trieste, PASSO Costanzi 1
3 Piano int. 35

Orari

Orario di apertura al pubblico:

Lunedi e Mercoledi 15:00 - 16:00
Martedi e Venerdi 11:30 - 12:30

Trasparenza

Atto primario: Altro, N°: 3000 Del: 3000,

  • Codice Civile artt. 950-951; Normativa cat.le – circolare 2/88 (pregeo) e docfa (quaderno docfa FVG) Legge Tavolare R.D. 499/1929 L.R. 11/08/2010 n. 15 – tav.re

Istanza di parte - L'avvio del procedimento avviene con istanza di parte quando l'amministrazione viene sollecitata a procedere da un privato o da un'altra amministrazione

Data di aggiornamento: 24.06.2020