null Famiglia-Assegnodimaternitàprevistodallanormativanazionale

Famiglia - Assegno di maternità previsto dalla normativa nazionale

L'assegno viene concesso alle madri per le nascite, gli affidamenti preadottivi e le adozioni senza affidamento, avvenuti nel 2020 e nel 2021.

Come fare

  • La richiedente deve:
    • avere la residenza nel Comune di Trieste;
    • essere stata residente in Italia al momento della nascita del bambino, come da risultanze della scheda anagrafica della madre,e convivere attualmente con il figlio;
    • avere la cittadinanza italiana o comunitaria o essere in possesso della carta di soggiorno (ai sensi dell'art. 9 del D.Lgs. n. 286 del 1998) o del permesso di soggiorno CE per soggiornanti di lungo periodo (D.Lgs. 3/2007) o dello “status di rifugiata politica” o essere titolare di protezione sussidiaria;
    • non godere del trattamento previdenziale dell'indennità di maternità o dell'assegno di maternità dello Stato di cui alla Legge 488/1999 art.49;
    • essere in possesso di un indicatore I.S.E.E. non superiore a € 17.416,66 per le richieste per i nati 2020 e 2021.
  • La domanda  deve essere redatta su apposito modulo e inviata entro i sei mesi dalla nascita;

    La domanda, va presentata dalla madre e inviata da:

    • P.E.O. (posta elettronica ordinaria)
    • P.E.C. (posta elettronica certificata) all’indirizzo P.E.C. del Comune di Trieste : comune.trieste@certgov.fvg.it   esclusivamente in formato PDF.

          
    per qualsiasi informazione : 
    numero verde 800884800   dal lunedì al sabato ore 09.00 – 13.00

Entro quanti giorni: 90

Motivazione se superiore a 90 giorni: 145

entro sei mesi dalla nascita o dall'adozione o affidamento preadottivo del figlio.

  • l’I.S.E. E del nucleo familiare per l’anno 2019 non deve essere superiore a € 17.141,45 e per l'anno 2020 non deve essere superiore a € 17.416,661.
  • Il pagamento avviene ad opera dell’I.N.P.S., verso presentazione dell’elenco dei nominativi da parte del Comune di Trieste, direttamente tramite bonifico bancario o postale. L’interessata deve indicare sulla domanda il proprio codice IBAN.
  • I termini sono calcolati ai sensi dell’art. 2963 del Codice Civile, per cui la prescrizione si verifica nel mese di scadenza e nel giorno di questo corrispondente al giorno del mese iniziale (esempio: nascita 1° gennaio – scadenza 1° luglio). Se nel mese di scadenza manca tale giorno, il termine si compie con l'ultimo giorno dello stesso mese (esempio: nascita 31 dicembre – scadenza 30 giugno).
  • Il contributo economico erogato dall'I.N.P.S. è relativo a 5 (cinque) mensilità e, per le nascite avvenute nel 2019, è stato fissato in € 346,39 mensili, corrisposto in unica soluzione, pari a € 1.731,95 se spettante nella misura intera, per le nascite avvenute nel 2020 è stato fissato in € 348,12 mensili, corrisposto in unica soluzione, pari a € 1.740,60 se spettante nella misura intera.
  • L'assegno di maternità non è cumulabile con quello concesso dall'INPS ai sensi dell'art. 49, comma 8, della Legge 488/99: quest'ultimo tipo di assegno è riservato alle donne che vantano il versamento INPS di contributi per maternità, per aver svolto almeno 3 mesi di attività lavorativa in un periodo compreso tra i 18 e i 9 mesi prima del parto o dell'ingresso del minore nella famiglia anagrafica della donna affidataria preadottiva o adottante senza affidamento.
  • La normativa di riferimento è contenuta nella D.Lgs. 26/03/2001 n. 151 art. 74 (L.21/12/1998 n. 448 art.66)

    Il Comune effettua controlli sulla composizione del nucleo familiare e sulla situazione economica. Nel caso venissero riscontrate falsità, oltre alle conseguenze penali a carico di chi ha dichiarato il falso, gli assegni non saranno concessi e quelli già concessi revocati.

Cosa fare

  • Presentare il modello della domanda compilato e allegare:

    • I.S.E.E.
    • Fotocopia carta di soggiorno /permesso di soggiorno CE per soggiornanti di   lungo periodo,  status di rifugiato politico;
  • Informativa 2021
  • Mod. domanda 2021

Dove andare

Sede

Trieste, VIA Giuseppe Mazzini 25
int. 111

Orari

Orario di apertura al pubblico:

Dal Lunedi Al Venerdi 09:00 - 12:30
Lunedi e Mercoledi 14:00 - 16:30

Trasparenza

Atto primario: L., N°: 448 Del: 1998,

Atto secondario: D.lgs., N°: 74 Del: 2001,

Istanza di parte - L'avvio del procedimento avviene con istanza di parte quando l'amministrazione viene sollecitata a procedere da un privato o da un'altra amministrazione

  • Ricorso al Tribunale Amministrativo Regionale entro 60 giorni dalla data di notifica dell'atto o in alternativa ricorso straordinario al Capo dello Stato entro 120 giorni a decorrere dal medesimo termine.

Data di aggiornamento: 26.04.2021