null Adulti-Contributoasostegnodellamorositàincolpevole

Adulti - Contributo a sostegno della morosità incolpevole

I cittadini che si trovano in una situazione di sopravvenuta impossibilità a provvedere al pagamento del canone locativo a ragione della perdita o consistente riduzione della capacità reddituale del nucleo familiare, possono vedere riconosciuto il diritto al contributo per la morosità incolpevole.

Come fare

    • a) essere in una situazione di morosità incolpevole;
    • b) essere destinatari di un atto di intimazione di sfratto per morosità, con citazione per la convalida o già convalidato, e che la relativa procedura non si sia conclusa;
    • c) essere titolari di un contratto di locazione di unità immobiliare, sita nel territorio del Comune di Trieste, ad uso abitativo, regolarmente registrato (sono esclusi gli immobili appartenenti alle categorie catastali Al, A8 e A9) ed essere residenti nell'alloggio oggetto della procedura di rilascio da almeno un anno;
    • d) essere cittadini italiani, oppure cittadini di Stati appartenenti all’UE, oppure stranieri titolari di permesso di soggiorno;
    • e) essere anagraficamente residenti nel territorio regionale da almeno due anni continuativi, alla data di presentazione della domanda;
    • f) avere un reddito I.S.E. non superiore ad euro 35.000,00 o un reddito derivante da regolare attività lavorativa con un valore I.S.E.E. non superiore ad euro 26.000,00;
    • g) non essere titolari, il richiedente ed altri componenti del nucleo familiare, di diritto di proprietà, usufrutto, uso o abitazione di altro immobile adeguato alle esigenze del nucleo nel territorio nazionale;
    • h) non essere titolari, il richiedente ed altri componenti del nucleo familiare, di contratto di locazione di altro alloggio, ovunque ubicato;
    • i) non avere già beneficiato, il richiedente ed altri componenti del nucleo familiare, dei contributi per il contrasto alla morosità incolpevole nei cinque anni precedenti.

    La perdita o la consistente riduzione della capacità reddituale possono essere dovute, a titolo esemplificativo e non esaustivo, ad una delle seguenti cause:

    •  perdita del lavoro per licenziamento;
    •  accordi aziendali o sindacali con consistente riduzione dell'orario di lavoro;
    •  cassa integrazione ordinaria o straordinaria che limiti notevolmente la capacità reddituale;
    •  mancato rinnovo di contratti a termine o di lavoro atipici;
    •  cessazioni di attività libero-professionali o di imprese registrate, derivanti da cause di forza maggiore o da perdita di avviamento in misura consistente;
    •  malattia grave, infortunio o decesso di un componente del nucleo familiare che abbia comportato o la consistente riduzione del reddito complessivo del nucleo medesimo o la necessità dell'impiego di parte notevole del reddito per fronteggiare rilevanti spese mediche e assistenziali.

    Per maggiori dettagli, si rinvia alle Linee Guida allegate.

    Linee guida
  • La domanda di assegnazione di contributi per il contrasto della morosità incolpevole, compilata e sottoscritta sull’apposito modello presente nella sezione "Documenti da presentare", può essere presentata a mani presso l’Ufficio Protocollo Generale di via Punta del Forno n. 2 – 34121 Trieste o in plico da trasmettere a mezzo raccomandata A/R al medesimo indirizzo o in modalità telematica all’indirizzo pec comune.trieste@certgov.fvg.it.

    Con riferimento alla presentazione in modalità telematica, la trasmissione può avvenire da indirizzo pec o mail a chiunque intestato purché sia sempre allegata copia fotostatica fronte/retro del documento d’identità del richiedente. È consentita la trasmissione della domanda mediante invio plurimo, purché sia, per ogni invio, allegata copia fotostatica fronte/retro del documento d’identità del richiedente. Potranno essere presi in esame esclusivamente i files allegati in formato .pdf.

    Il contributo viene erogato in base ai criteri specificati dal D.M. Infrastrutture e Trasporti del 30.03.2016 ed in base ai requisiti ed ai fondi disponibili.

Entro quanti giorni: 180

Cosa fare

  • La domanda di contributo dovrà essere predisposta dal richiedente utilizzando l'apposito Modello A e, a seconda della tipologia di contributo richiesta, dovrà essere accompagnata dal Modello B e/o dal Modello C, debitamente compilati.

    La documentazione da allegare è quella richiesta all'interno dei Modelli di cui sopra.

    Modello A
  • Modello C
  • Modello B

Dove andare

Contatti

Sede

Trieste, VIA Mazzini 25

Orari

Orario di apertura al pubblico:

Dal Lunedi Al Venerdi 10:00 - 12:30

Trasparenza

Atto primario: L.R., N°: 6 Del: 2003,

  • L.R. 06/2003 art. 6 e D.L. 102/2013, art. 6 comma 5, convertito dalla L. 124/2013; D.M. Infrastrutture e Trasporti dd. 30/03/2016

     

     

Istanza di parte - L'avvio del procedimento avviene con istanza di parte quando l'amministrazione viene sollecitata a procedere da un privato o da un'altra amministrazione

  • Ricorso al Tribunale Amministrativo Regionale entro 60 giorni dalla data di notifica dell'atto o in alternativa ricorso straordinario al Capo dello Stato entro 120 giorni a decorrere dal medesimo termine.

Data di aggiornamento: 09.09.2021