null Autorizzazione_paesaggistica_

Autorizzazione paesaggistica

ATTENZIONE : le presenti indicazioni e la modulistica qui allegata sono utilizzabili esclusivamente per l'integrazione/modifica e prosecuzione di pratiche presentate anteriormente al 1 gennaio 2019 Tutti gli interventi edilizi, compresi quelli di manutenzione ordinaria, che alterano lo stato dei luoghi nell'aspetto esteriore degli edifici e quelli rientranti nell'attività edilizia libera, se ricadenti in zona soggetta al vincolo paesaggistico sono soggetti al preventivo rilascio dell'autorizzazione paesaggistica. La richiesta va presentata preventivamente alla Denuncia di Inizio Attività (D.I.A.).

Come fare

  • la domanda dovrà essere presentata dal proprietario, locatario o concessionario dell'immobile su cui operare l'intervento edilizio.

Entro quanti giorni: 120

Cosa fare

  • Documento
  • Il cittadino presenta al Protocollo Generale la richiesta redatta sull'apposito modulo per la richiesta di autorizzazione paesaggistica, bollato con marca da 16,00 Euro, sul quale sono riportate tutte le indicazioni necessarie alla corretta redazione della domanda.
     
    La domanda dovrà essere corredata da un progetto redatto da un tecnico abilitato (architetto, geometra, ingegnere, perito ind.), e/o da apposita altra documentazione quale fotografie, relazioni, particolari costruttivi, ecc.
     
    La domanda in bollo, (v. Mod. allegato) o richiesta all'Ufficio Relazioni con il Pubblico (URP), va presentata all'Ufficio Protocollo Generale,
    L’attestazione di pagamento pari a Euro 144,90, va allegata e pinzata nello spazio predisposto sulla modulistica; gli importi sono indicati sul modulo stesso.
    Autorizzazione Paesaggistica ordinaria - compilazione pc
  • Autorizzazione Paesaggistica ordinaria - compilazione manuale
  • Documento
  • Documento

Per il pagamento della tariffa per prestazioni ufficiose IBAN: IT44S0200802230000001170836 oppure C/C postale n°: 16315343 Causale (obbligatoria): Tariffa servizio pubblico - C.E. O8000 - CAP. 74000

Dove andare

Contatti

0406754096 - 0406754459 - 0406758675

Sede

Trieste, passo Costanzi 2
5 Piano int. 538, 539

Orari

Orario di apertura al pubblico:

Lunedi 14:30 - 15:15
Giovedi 11:30 - 12:15

Orario su appuntamento:

Lunedi 15:15 - 16:00
Martedi 12:00 - 13:00
Mercoledi 14:30 - 16:00
Giovedi 12:15 - 13:00

Sede

Trieste, via Punta del Forno 2

Orari

Orario di apertura al pubblico:

Lunedi 08:30 - 12:30 | 14:00 - 16:30
Dal Martedi Al Mercoledi 08:30 - 12:30
Mercoledi 08:30 - 12:30 | 14:00 - 16:30
Dal Giovedi Al Venerdi 08:30 - 12:30

Contatti

04067548 50
0406756060

Sede

Trieste, via della Procureria 2

Orari

Orario di apertura al pubblico:

Lunedi 09:00 - 12:30
Mercoledi 09:00 - 12:30 | 14:30 - 17:00
Dal Giovedi Al Venerdi 09:00 - 12:30

Trasparenza

Atto primario: D.lgs., N°: 42 Del: 2004,

  • Decreto legislativo 22 gennaio 2004 n. 42, successivamente modificato ed integrato, nonché Legge Regionale 23 febbraio 2007 n. 5; D.P.Reg. n. 0149/Pres del 10 luglio 2012

Istanza di parte - L'avvio del procedimento avviene con istanza di parte quando l'amministrazione viene sollecitata a procedere da un privato o da un'altra amministrazione

  • Avverso il provvedimento finale è ammesso ricorso al Tribunale Amministrativo Regionale da presentarsi entro 60 giorni, oppure in via alternativa, al Presidente della Repubblica entro 120 giorni, dalla ricezione dell'atto emesso. In caso di inerzia della pubblica amministrazione, entro un anno dalla decorrenza del termine di conclusione del procedimento, può essere proposto ai sensi degli articoli 31 comma I° e II° e con le modalità di cui all'art. 117 del Decreto Legislativo 2 luglio 2010 n. 104, ricorso al T.A.R. per l'accertamento dell'obbligo della amministrazione di provvedere sull'istanza con provvedimento espresso.

Data di aggiornamento: 11.03.2019