null Adulti_-_Contributo_a_sostegno_della_morosità_incolpevole

Adulti - Contributo a sostegno della morosità incolpevole

I cittadini che si trovano in una situazione di sopravvenuta impossibilità a provvedere al pagamento del canone locativo a ragione della perdita o consistente riduzione della capacità reddituale del nucleo familiare, possono vedere riconosciuto il diritto al contributo per la morosità incolpevole.

Come fare

    • essere cittadino italiano o di un paese dell'UE (ovvero, in caso di cittadino di paese non UE, possedere regolare titolo di soggiorno);
    • essere anagraficamente residenti nel territorio regionale da almeno 24 mesi al momento della presentazione della domanda;
    • essere residenti nel comune di Trieste;
    • essere titolare di un contratto di locazione di unità immobiliare ad uso abitativo regolarmente registrato (esclusi immobili categorie A1, A8 e A9) ed essere residente nell'alloggio oggetto della procedura di rilascio da almeno un anno;
    • essere destinatario di un atto di intimazione di sfratto per morosità, con citazione per la convalida;
    • non essere titolare, né il richiedente, né altri componenti del nucleo familiare, di diritto di proprietà, usufrutto, uso o abitazione nella provincia di residenza di altro immobile adeguato alle esigenze del nucleo;
    • avere reddito ISEE non superiore ad Euro 35.000,00 o un reddito derivante da attività lavorativa con un valore ISEE non superiore ad Euro 26.000,00.
  • La perdita o la consistente riduzione della capacità reddituale debbono essere dovute a:

    • perdita del lavoro per licenziamento; accordi aziendali o sindacali con consistente riduzione dell'orario di lavoro;
    • cassa integrazione che limiti notevolmente la capacità reddituale;
    • mancato rinnovo di contratti a termine o di lavoro atipici;
    • cessazioni di attività libero-professionali o di imprese registrate, derivanti da cause di forza maggiore o da perdita di avviamento in misura consistente; malattia grave, infortunio o decesso di un componente del nucleo familiare che abbia comportato la consistente riduzione del reddito complessivo del nucleo medesimo o la necessità dell'impiego di parte notevole del reddito per fronteggiare rilevanti spese mediche e assistenziali.

    Il contributo può essere richiesto una sola volta e viene erogato in base ai criteri specificati dall'art. 5 D.M. 30/03/2016 esclusivamente sulla base del possesso dei requisiti.

    È sufficiente rivolgersi all'Unità Operativa Territoriale (U. O. T.) -  Ufficio Territoriale Sociale (U.T.S.) del Servizio Sociale Comunale della zona in cui abita e chiedere un appuntamento con un'assistente sociale. Per vedere qual'è la propria Unità Operativa Territoriale è sufficiente consultare la pagina https://www.comune.trieste.it/qual-%25c3%25a8-la-tua-uts?inheritRedirect=true
    L'assistente sociale all'interno di un progetto di intervento personalizzato concordato con la persona, effettuerà in base alla propria metodologia colloqui, contatti con Servizi o altri interventi ritenuti necessari. 

     

Entro quanti giorni: 90

Cosa fare

Dove andare

Contatti

0404194517

Sede

Trieste, via Giovanni Pascoli 35/1

Orari

Orario di apertura al pubblico:

Dal Lunedi Al Venerdi 09:00 - 11:00

Contatti

0404194517

Sede

Trieste, via dei Moreri 5/b

Orari

Orario di apertura al pubblico:

Dal Lunedi Al Venerdi 09:00 - 11:00

Contatti

0403897211

Sede

Trieste, via del Roncheto 77

Orari

Orario di apertura al pubblico:

Dal Lunedi Al Venerdi 09:00 - 11:00

Contatti

0406758640

Sede

Trieste, via Vittorio Locchi 27

Orari

Orario di apertura al pubblico:

Dal Lunedi Al Venerdi 09:00 - 11:00

Trasparenza

Atto primario: L.R., N°: 6 Del: 2003,

  • L.R. 06/2003 art. 6 e D.L. 102/2013, art. 6 comma 5, convertito dalla L. 124/2013; D.M. Infrastrutture e Trasporti dd. 30/03/2016

     

     

Istanza di parte - L'avvio del procedimento avviene con istanza di parte quando l'amministrazione viene sollecitata a procedere da un privato o da un'altra amministrazione

Data di aggiornamento: 19.04.2019