Aria

Qualità dell’aria

Qualità dell’aria

Fino ad oggi l’intervento era a posteriori e si basava sui valori di concentrazione misurati dalle centraline della rete ARPA: le azioni di mitigazione (il blocco del traffico e la riduzione del riscaldamento degli edifici) venivano decise dopo che per tre giorni consecutivi erano stati superati i valori massimi tollerabili di concentrazione degli inquinanti (polveri sottili e ossidi di azoto). Di fatto era limitata l’efficacia preventiva del provvedimento.

Con il nuovo Piano di Azione si decide sulla base delle previsioni atmosferiche e si potrà intervenire prima che si determini una situazione di inquinamento.
Secondo la nuova procedura l’ARPA informerà il Comune che stanno per determinarsi condizioni meteorologiche alle quali con elevata probabilità si assoceranno situazioni di elevato inquinamento.
Un’altra novità è relativa agli orari di blocco del traffico, limitati al pomeriggio, dalle 15 alle 20. E’ questo l’intervallo in cui, sulla base dell’esperienza, si determinano a Trieste le condizioni di massimo inquinamento.
Le nuove modalità di attuazione del Piano, come ha tenuto a sottolineare l’assessore all’Ambiente, oltre a salvaguardare la salute dei cittadini e le condizioni ambientali, avranno lo scopo di agevolare i bambini, i giovani studenti permettendo una migliore organizzazione della vita quotidiana per le famiglie e i per i commercianti.

label_data_aggiornamento: 2019.04.09