Misure di Sostegno al Reddito

Sospensione delle erogazioni e decadenza dalle misure regionali di sostegno al reddito in corso, a seguito dell'avvio del reddito di cittadinanza

Si comunica che con l'avvio del Reddito di Cittadinanza, a decorrere dal mese di aprile 2019, secondo quanto stabilito con la norma di cui sopra con deliberazione di Giunta regionale n. 592 del 12 aprile 2019 (link all'allegato), sono state definite le modalità di sospensione delle erogazioni e di decadenza dalle misure regionali (MIA, MIA bis, ReI FVG).

> Maggiori informazioni

Di seguito si riporta l'estratto della delibera di Giunta regionale 592 del 12 aprile riguardante le seguenti misure di sostegno al reddito:

a) relativamente alla Misura attiva di sostegno al reddito (MIA):

  • 1) le erogazioni delle MIA sono sospese a partire dalla rata riferita al bimestre di maggio-giugno 2019;
  • 2) le rate bimestrali residue spettanti ai singoli nuclei familiari beneficiari, ferma restando la durata inizialmente prevista, sono erogate ai soli nuclei che entro il 30 settembre 2019 presentano domanda di Reddito di cittadinanza e non vi accedono per mancato possesso dei requisiti previsti;
  • 3) i nuclei familiari beneficiari di MIA che non rispettano le condizioni di cui al numero 2) decadono automaticamente dalla MIA a decorrere dal 1° maggio 2019.

b) relativamente agli interventi economici finanziati con il Fondo per il contrasto alla povertà di cui all'articolo 9, comma 8, della legge regionale 29/2018 (conosciuta come MIA bis 2019):

  • 1) gli interventi economici sono corrisposti fino alla mensilità relati va al mese di aprile 2019 e sono sospesi per le mensilità successive;
  • 2) le mensilità residue spettanti ai singoli nuclei familiari beneficiari s ono e rogate ai s oli nuclei che entro il 30 settembre 2 01 9 presentano domanda di Reddito di cittadinanza e non vi accedono per mancato possesso dei requisiti previsti;
  • 3) i nuclei familiari beneficiari degli interve nti economici che non rispettano le condizioni di cui al numero 2) decadono automaticamente da gli interventi economici a decorrere dal 1° maggio 2019.

c) relativamente alle integrazioni regionali al Reddito di Inclusione (ReI) pre viste dalla legge regionale 35/2017 (conosciuto come REI FVG):

  • 1) le integrazioni regionali al Rei sono riconosciute fino al mese in cui ai medesimi beneficiari risulta essere riconosciuto il Reddito di Inclusione.

 

 

 

Per informazioni inerenti la liquidazione del REI FVG e/o informazioni di carattere generale o interpretativo inerenti MIA ancora attive si può chiamare il numero Regionale 0432-805645 attivo il MARTEDI’ dalle ore 14.00 alle ore 16.00 e il VENERDI’ dalle ore 10.00 alle ore 12.00. A partire dal 8 maggio 2019 il numero sarà attivo anche il mercoledì dalle 14.00 alle 16.00.

Sportello CAF

Presso la sede centrale dell’Area Servizi e Politiche Sociali, è attivo in forma sperimentale uno sportello CAF.
Presso lo sportello sito al piano terra di via Mazzini 25, aperto dal lunedì al giovedì dalle 9.00 alle 12.00, sarà presente un operatore dei CAF aderenti alla sperimentazione che potrà dare informazioni di tipo generale (ad esempio quali documenti necessari, dove fare la domanda, i requisiti) inerenti a

  • sgate
  • isee
  • stipula contratto con assistenti familiari/”badanti” richiesto per il contributo FAP

Reddito di inclusione (REI)

Misura nazionale di contrasto alla povertà
PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE: dal 6 marzo 2019, con l'avvio della nuova misura nazionale Reddito di Cittadinanza, sono decorsi i termini per la presentazione delle domande REI. I requisiti sotto riportati valgono per le liquidazioni ancora in essere
Si compone di 2 parti:
  1. un beneficio economico erogato mensilmente attraverso una Carta di pagamento elettronica (Carta REI)
  2. un progetto personalizzato di attivazione e di inclusione sociale e lavorativa volto al superamento della condizione di povertà predisposto con la regia dei servizi sociali del Comune. Il progetto coinvolge tutti i componenti del nucleo familiare

Il beneficio è concesso per un periodo massimo di 18 mesi, trascorsi i quali non può essere rinnovato se non sono trascorsi almeno 6 mesi.

I principali requisiti richiesti per accedere alla misura di sostegno sono:

requisiti di residenza e di soggiorno:

  • cittadino dell’Unione o suo familiare che sia titolare del diritto di soggiorno o del diritto di soggiorno permanente, ovvero cittadino di paesi terzi in possesso del permesso di soggiorno UE per soggiornanti di lungo periodo o apolide in possesso di analogo permesso o titolare di protezione internazionale (asilo politico, protezione sussidiaria)
  • 24 mesi residente in Italia in via continuativa

requisiti familiari:

La legge di bilancio 2018 (articolo 1, comma 192) abroga dal 1° luglio 2018 tutti i requisiti familiari (presenza di un minorenne, di una persona disabile, di una donna in gravidanza, di un disoccupato ultra 55enne). Pertanto, a partire dal 1° giugno 2018, possono presentare domanda tutti coloro che possiedono i soli requisiti economici e di residenza già previsti dalla normativa vigente.

requisiti economici:

  • un valore dell’ISEE, in corso di validità, non superiore ad euro 6.000;
  • un valore dell’ISRE ai fini ReI non superiore ad euro 3.000 (si calcola dividendo il valore ISR per la scala di equivalenza pura – senza le maggiorazioni);
  • un valore del patrimonio immobiliare, diverso dalla casa di abitazione, non superiore ad euro 20.000;
  • un valore del patrimonio mobiliare, non superiore ad una soglia di euro 6.000, accresciuta di euro 2.000 per ogni componente il nucleo familiare successivo al primo, fino ad un massimo di euro 10.000;
  • in caso di variazione della situazione lavorativa bisogna compilare il modello REI-COM (inps sulla base di questi dati calcolerà se spetta comunque il contributo o meno).

Per più puntuali e approfondite informazioni consultare gli allegati

Intervento Economico Regionale di sostegno al reddito 2019

AVVERTENZA
Si comunica che secondo quanto stabilito con la norma di cui sopra con deliberazione di Giunta regionale n. 592 del 12 aprile 2019 (link all'allegato), sono state definite le modalità di sospensione delle erogazioni e di decadenza dalle misure regionali (MIA, MIA bis, ReI FVG).
> Maggiori informazioni

In attesa dell’avvio del Reddito di Cittadinanza, al fine di sostenere i nuclei che non beneficiano di MIA o che, avendo presentato domanda di REI 2019 e relative integrazioni regionali, abbiano ricevuto un diniego per una delle ragioni meglio specificate alla voce "requisiti richiesti" (punti 1,2 e 3), la Regione FVG ha istituito per l’anno 2019 un fondo straordinario con il quale i Servizi sociali del Comune possono erogare interventi economici. Nel Comune di Trieste, le domande possono essere presentate presso lo sportello di Via Mazzini, 25, dall'1 gennaio al 31 maggio 2019, utilizzando la modulistica dedicata.

Le domande possono essere presentate da lunedì a venerdì 9.00 - 12.30 presso lo sportello dedicato sito al piano terra in via Mazzini, 25 I requisiti necessari per accedere al beneficio economico sono:

  • che il componente del nucleo che presenta domanda sia in possesso dei medesimi requisiti di cittadinanza e di permessi di soggiorno previsti per accedere al ReI e che sia residente in Regione da almeno 5 anni continuativi;
  • che il nucleo sia in possesso di un ISEE 2019 di valore non superiore a 6.000,00 euro (con applicazione delle stesse regole di calcolo del valore ISEE previste per il ReI);
  • che il nucleo abbia presentato nel corso dell’anno 2019 una domanda di ReI e non abbia potuto beneficiarne per almeno uno dei seguenti motivi: 1) il valore dell’ISRE è superiore alla soglia di accesso; 2) i componenti del nucleo sono in possesso di autoveicoli e motoveicoli immatricolati per la prima volta nei 24 mesi precedenti la richiesta, salvi i veicoli per disabili; 3) l’ammontare del beneficio economico del ReI è risultato di valore pari a zero.

L’intervento economico non può inoltre essere concesso se:

  • il nucleo è beneficiario di Misura attiva di sostegno al Reddito (MIA) in corso di concessione;
  • il nucleo non ha concluso la concessione della MIA da almeno un bimestre;
  • il nucleo nell’anno 2019 ha rinunciato volontariamente alla MIA in corso di concessione;
  • il nucleo è beneficiario di Reddito di Inclusione (ReI) in corso di concessione.

Gli interventi economici decorrono dal mese successivo a quello di presentazione della domanda e possono essere erogati al massimo fino al 31.12.2019, fatte salve diverse disposizioni regionali a seguito dell'avvìo del Reddito di cittadinanza.

L’importo mensile viene determinato sulla base degli stessi criteri validi per la MIA. Gli importi sono erogati dai Servizi Sociali del Comune mediante bonifico bancario o postale. I componenti del nucleo familiare di età uguale o maggiore di diciotto anni dovranno sottoscrivere entro 60 giorni dal pagamento della prima mensilità il Patto di inclusione. Il Patto di Inclusione potrà prevedere obiettivi di inclusione sociale, di occupabilità, di inserimento lavorativo e di riduzione dei rischi di marginalità e, a tal fine, in esso saranno contenute le attività che dovranno essere svolte dai componenti il nucleo familiare, tra cui:

  • a) azioni di ricerca attiva di lavoro;
  • b) adesione a progetti di formazione o inclusione lavorativa;
  • c) frequenza e impegno scolastico;
  • d) comportamenti di prevenzione e cura volti alla tutela della salute;
  • e) espletamento di attività utili alla collettività, anche nell’ambito di progetti realizzati da soggetti del terzo settore, enti locali e amministrazioni pubbliche.

La mancata sottoscrizione del Patto entro 60 giorni dal pagamento della prima mensilità per cause imputabili ai componenti del nucleo comporta decadenza dal beneficio e il nucleo non potrà più ripresentare domanda. Se per il nucleo è già stato sottoscritto un Patto di inclusione o un progetto personalizzato nel corso di precedenti concessioni di MIA o di ReI, si considerano validi i Patti già sottoscritti, fermo restando che i Servizi sociali del Comune possono procedere a ridefinire i contenuti del Patto.

 

Data di aggiornamento: 2019.06.05