null Autocertificazione_-_Dichiarazione_sostitutiva_dell'atto_di_notorietà_da_utilizzare_in_procedimenti_inerenti_le_successioni_legittime_o_intestate

Autocertificazione - Dichiarazione sostitutiva dell'atto di notorietà da utilizzare in procedimenti inerenti le successioni legittime o intestate

Se una persona muore senza lasciare testamento, i suoi beni vengono assegnati ai parenti secondo specifiche norme di legge che regolano tale chiamata a succedere nonché le quote di eredità o altri diritti successori loro spettanti.

Come fare

  • avere la piena capacità di agire e un grado di parentela utile per la chiamata in successione legittima

  • all'ufficio della P.A. dove deve essere presentato l'atto; se è necessaria l'autenticazione della firma, ai centri civici, in uno studio notarile, nell'ufficio atti notori del Tribunale, nella segreteria generale del comune

    rivolgersi al dipendente addetto a ricevere la documentazione; se è necessaria l'autenticazione della firma, ai dipendenti incaricati dal Sindaco presso i centri civici (vedi elenco) a un notaio, al cancelliere del tribunale, a un segretario comunale

    I beni lasciati dal defunto spesso sono costituiti, oltre che da immobili come case, terreni ecc..., anche da veicoli, natanti, denaro contante, gioielli, depositi bancari, titoli, ratei di pensione maturati e non riscossi, quote di liquidazione, assicurazioni, emolumenti vari, crediti da esigere e altri diritti, come la reversibilità della pensione a favore del coniuge superstite, quote di beni abbandonati, di risarcimento danni, ecc..., ma a volte anche da passività come appunto debiti, spese da pagare, ecc..

    Di conseguenza, pur potendo qualsiasi interessato procedere di persona alla cura diretta di tutte le pratiche inerenti la successione legittima, è auspicabile, data la complessità delle procedure richieste, utilizzare l'assistenza di professionisti esperti in grado di garantire il puntuale perfezionamento di tutti i procedimenti previsti (eventuale liquidazione dell'imposta, stime, volturazioni catastali, tavolari, ecc..)
    Comunque, oltre che a presentare, nei casi previsti dalla legge, la dovuta denuncia al locale Ufficio del Registro-Successioni, e procedere alla volturazione catastale e tavolare (quest'ultima previo ottenimento del "certificato d'eredità" da parte del locale Tribunale - "Ufficio volontaria giurisdizione") degli immobili caduti in successione, i parenti del defunto sono anche chiamati a rendere specifiche dichiarazioni sostitutive dell'atto di notorietà, a comprova della loro qualità di eredi legittimi a fronte del riconoscimento di svariati diritti loro spettanti in quanto tali, sui beni, sui crediti o sulle rendite del defunto.
    Se gli eredi legittimi sono più di uno, cioè ad esempio il coniuge superstite e i figli del defunto, basta che uno solo degli stessi, cioè quello che si incarica direttamente dell'istruzione delle pratiche necessarie, renda la dichiarazione anche per gli altri che risulteranno comunque tutti citati nella stessa.
    Se la dichiarazione è rivolta a un privato quale una ditta individuale, una società, un'azienda di credito, un istituto bancario o finaziario (compreso Bancoposta) oppure ad aziende assicurative, associazioni, professionisti, datori di lavoro privati, ecc..., la firma del dichiarante dovrà essere autenticata. (vedi allegato n. 1 file dsanotsuclegpriA) e l'autenticazione sarà assoggettata all'imposta di bollo o esente nei soli casi in cui risulta una specifica esenzione da tale imposta.
    Nei casi in cui i privati, (ad esempio alcuni istituti di credito o imprese di assicurazione a fronte di somme di una certa entità) non accettano la suindicata autocertificazione, gli interessati dovranno utilizzare necessariamente l'atto di notorietà da rendersi, con il concorso di due testimoni e previo giuramento, dinanzi al cancelliere del locale Tribunale o a un notaio.
    Se invece la dichiarazione è diretta a un ufficio della P.A., basterà che il dichiarante sottoscrittore abbia cura di allegare alla stessa una copia fotostatica semplice di un suo valido documento di identità personale.
    (vedi allegato n. 2 file dsanotsuclegpaB)
    Ad ogni buon conto si allega anche, a semplice titolo informativo, un prospetto illustrante le quote di eredità spettanti agli eredi legittimi, corredato da altre utili informazioni (file: TABSUCLEGQEREDC.doc). 

Entro quanti giorni: 0

Dove andare

Contatti

0406758740

Sede

Trieste, via del Teatro Romano 7/b

Orari

Orario di apertura al pubblico:

Lunedi 08:30 - 12:00 | 14:00 - 16:00
Dal Martedi Al Mercoledi 08:30 - 12:00
Mercoledi 08:30 - 12:00 | 14:00 - 16:00
Dal Giovedi Al Venerdi 08:30 - 12:00

Contatti

040214600

Sede

Trieste, via Doberdò 20/3

Orari

Orario di apertura al pubblico:

Lunedi 08:30 - 12:00 | 14:00 - 16:00
Martedi 08:30 - 12:00
Dal Giovedi Al Venerdi 08:30 - 12:00

Contatti

040225034

Sede

Trieste, localita' Prosecco 159

Orari

Orario di apertura al pubblico:

Mercoledi 08:30 - 12:00 | 14:00 - 16:00

Contatti

0406758691

Sede

Trieste, via Vittorio Locchi 23/b

Trasparenza

Istanza di parte - L'avvio del procedimento avviene con istanza di parte quando l'amministrazione viene sollecitata a procedere da un privato o da un'altra amministrazione

Data di aggiornamento: 17.04.2019