null Workshop di presentazione della bozza di studio paesaggistico complessivo per gli spazi aperti dell’area di Porto Vecchio (arch. Kipar)
14 settembre 2021

Workshop di presentazione della bozza di studio paesaggistico complessivo per gli spazi aperti dell’area di Porto Vecchio (arch. Kipar)

Giovedì 16 settembre ore 10-13, Porto Vecchio, Magazzino 26, Sala Luttazzi
Workshop di presentazione della bozza di studio paesaggistico complessivo per gli spazi aperti dell’area di Porto Vecchio (arch. Kipar)

Giovedì 16 settembre (a partire dalle ore 10.00) presso la Sala Luttazzi sita al terzo piano del Magazzino 26 in Porto Vecchio, nell’ambito della Rassegna "Una luce sempre accesa" e delle iniziative organizzate dal Comune di Trieste per la “Settimana Europea della Mobilità Sostenibile”, avrà luogo un importante evento relativo alla fase progettuale dell’area del Porto Vecchio.

Il workshop rappresenta il seguito dell’incontro partecipativo tenutosi a fine giugno con l'architetto Andreas Kipar e il suo staff (la società LAND Italia S.r.l.), incaricato dal Comune per lo studio paesaggistico complessivo per gli spazi aperti dell’area del Porto Vecchio.

L’incontro di giugno era stata l'occasione per l'ascolto della voce dei diversi portatori di interesse in merito alle tematiche che vanno a comporre il quadro finalizzato alla definizione delle linee guida progettuali per l'area di Porto Vecchio, nonché per la condivisione dei primi ragionamenti sia funzionali che spaziali sull’area in questione.

A partire dagli spunti e dalle suggestioni raccolte durante la fase partecipativa, nell’incontro del prossimo 16 settembre verrà presentata e discussa la bozza di proposta progettuale per gli spazi aperti di Porto Vecchio. A partire dal nuovo "pentagramma urbano" immaginato per l'area, si illustreranno i principi strategici adottati per disegnare questa importante parte di città, come continuità con i flussi e i caratteri della città consolidata e come estensione dello spazio naturale del Carso e del litorale barcolano. Verranno quindi presentati gli elementi strutturanti della proposta, con successivi focus sulle singole aree.

Considerato che la capienza della sala è limitata a causa dei protocolli Covid da seguire e dei relativi vincoli, l’incontro non è aperto al pubblico ma è ad invito diretto e nominativo. L’incontro verrà registrato e al termine dell'evento la registrazione sarà resa disponibile per tutti gli interessati sulla pagina Facebook e sul canale YouTube del Comune di Trieste.E’ prevista la partecipazione, fra gli altri, di Generali, Fincantieri, rappresentanti delle principali istituzioni scientifiche cittadine (Fondazione Internazionale Trieste, Università, ICTP, Area Science Park, Sincrotrone Elettra, O.G.S.) e categorie economiche legate al commercio e al turismo (fra i quali ANCE, Federalberghi, FIPE, CNA, Confindustra, PromoTurismoFVG, Lega Cooperative FVG), membri del neo costituito consorzio U.R.S.U.S., Trieste Trasporti, Trenitalia, Trieste Terminal Passeggeri, gestori degli impianti di parcheggio, Trieste Convention Center S.p.A, associazioni ambientaliste e legate al paesaggio (WWF, Legambiente, Italia Nostra e F.A.I.), ordini professionali e collegi, associazioni dei disabili (Triesteabile, Consulta dei disabili, U.I.C.T.S., Criba FVG), associazioni legate alla mobilità pedonale e ciclabile (tra cui FIAB Trieste Ulisse e i rappresentanti del tavolo della mobilità post Covid), l’ASUGI, rappresentanti di società sportive, stabilimenti balneari e referenti dei musei.

L’evento, aperto alla stampa, è promosso e organizzato dal Dipartimento Territorio Economia Ambiente e Mobilità del Comune, diretto dall’ing. Giulio Bernetti.