null Ventesimo anniversario ordinazione episcopale Mons. Giampaolo Crepaldi.
18 marzo 2021

Ventesimo anniversario ordinazione episcopale Mons. Giampaolo Crepaldi.

Il messaggio del Sindaco di Trieste Roberto Dipiazza

“Ricorre venerdì 19 marzo, solennità di San Giuseppe, non a caso festa del papà, il ventesimo anniversario della sua ordinazione episcopale. Desidero con tutto il cuore, anche a nome dell’intera Città di Trieste, esprimerle -scrive il sindaco Roberto Dipiazza- il mio più grande e riconoscente augurio per questo importante traguardo, per una testimonianza di fede, speranza e carità viva, che prosegue senza sosta e quotidianamente nel tempo e di cui tutti siamo grati a Dio”.

“Ordinato vescovo nel 2001, nella Basilica di San Pietro, dal grande e santo Giovanni Paolo II, lei da padre e buon pastore è stato chiamato a guidare la nostra diocesi dal 4 luglio del 2009 e continua a essere un prezioso punto di riferimento per tutti noi credenti, senza mai dimenticare chi vive nel dubbio, nelle difficoltà e chi è senza fede”.

“Il suo autorevole e intelligente esempio -prosegue il primo cittadino- è un “ponte di umanità”, per favorire sempre il dialogo, la collaborazione, la speranza, illuminando il buio delle tenebre, a servizio di Dio, della Chiesa e di uomini e donne di buona volontà”.

“Non credo al caso ma alla provvidenza. Lei è stato ordinato vescovo da San Giovanni Paolo II, il papa che il primo maggio del 1992, dal colle di San Giusto così esortò è benedì la nostra città: “Trieste sii la patria del dialogo, promuovi senza paura e con spirito libero una genuina e costruttiva civiltà del dialogo! A fondamento di tale atteggiamento, ci sia la ricerca solidale della verità, della bontà, della giustizia. Ci sia l’apertura e l’accoglienza dell’altro, l’ascolto leale e franco dei problemi e delle ragioni di ciascuno. Per diffondere la cultura del dialogo e della solidarietà, è indispensabile agire in profondità, formare le coscienze al reciproco rispetto””.

“Lei, mons. Giampaolo Crepaldi, ha operato e opera seguendo questo solco che nasce dal Vangelo. Grazie -conclude il sindaco Roberto Dipiazza- per quanto ci ha donato con il suo lungimirante insegnamento. Continui a esserci vicino sempre, anima e coscienza di una Trieste aperta al bene e al prossimo, sensibilmente unita nel sostenere le sfide future”.

COMTS-GC