angle-left null TARI_-_Tassa_sui_rifiuti

TARI - Tassa sui rifiuti

La sigla “TARI” rappresenta tassa sui rifiuti in vigore dal 01/01/2014. Tale tassa (che sostituisce la TARES) è istituita e disciplinata dalla legge 27 dicembre 2013, n. 147, dal decreto-legge 6 marzo 2014 n. 16, convertito dalla legge 2 maggio 2014 n. 68 e dal Regolamento Comunale. La TARI è dovuta per il possesso o la detenzione, a qualsiasi titolo, di locali o aree scoperte, a qualsiasi uso adibiti, anche se di fatto non utilizzati, suscettibili di produrre rifiuti urbani o assimilati.

Come fare

  • possedere, occupare o detenere a qualsiasi titolo, locali o aree scoperte, insistenti interamente o prevalentemente nel territorio comunale, a qualsiasi destinazione e uso adibiti, anche se di fatto non utilizzati, ma utilizzabili e quindi suscettibili di produrre rifiuti urbani o assimilati.

  • Ufficio IMU-TASI e Contrasto Evasione Erariale
    per contatti relativamente agli avvisi di accertamento dei tributi IMU, ICI e TASI
     
    Ufficio TARI-TARES-TARSU
    per contatti relativamente agli avvisi di accertamento del tributo TARI-TARES-TARSU
     
    Maggiori informazioni AREA TEMATICA/TRIBUTI www.comune.trieste.it
     
    Si considerano rifiuti assimilati agli urbani quelli contenuti nel vigente regolamento per la gestione dei rifiuti urbani ed assimilati e la pulizia del territorio del Comune di Trieste.
     
    Sono escluse dall’applicazione della tassa le aree scoperte, non operative, pertinenziali o accessorie a locali tassabili nonché le aree comuni condominiali di cui all’articolo 1117 del codice civile che non sono detenute od occupate in via esclusiva.
    Sono inoltre esclusi dalla tassazione i locali e le aree che per loro natura, per l’uso cui sono destinati ovvero per le obbiettive condizioni di non utilizzabilità non sono suscettibili di produrre rifiuti.
    Rientrano nel periodo precedente, a titolo di esempio:
    • i locali impraticabili;
    • i locali in stato di abbandono;
    • le aree adibite in via esclusiva al transito o alla sosta gratuita dei veicoli;
    • i locali tecnici muniti di attrezzature tali da escludere la produzione di rifiuti (ad esempio: le centrali termiche, le cabine elettriche, i vani ascensori, i vani caldaie, le celle frigorifere);
    • gli impianti sportivi limitatamente alle aree ed ai locali riservati all'esercizio dell’attività sportiva (ad esempio: palestre, campi gioco, piscine); sono comunque imponibili le superfici destinate ad usi diversi quali, ad esempio, spogliatoi, servizi igienici, uffici, biglietterie, punti di ristoro, gradinate e simili;
    • i locali oggetto di lavori di ristrutturazione, restauro, risanamento conservativo in seguito al rilascio di licenze, permessi, concessioni od autorizzazioni, limitatamente al periodo di validità del provvedimento e, comunque, non oltre la data riportata nella certificazione di fine lavori;
    • per gli impianti di distribuzione dei carburanti, le aree adibite in via esclusiva all’accesso, al transito e all’uscita dei veicoli dall’area di servizio;
    • i fienili;
    • gli edifici in cui è esercitato pubblicamente il culto, accatastati in coerente categoria E7, limitatamente alla parte di essi ove si svolgono le funzioni religiose:
    • i locali con altezza inferiore a 1,8 metri;
    • le rientranze o le sporgenze realizzate per motivi estetici, salvo che non siano fruibili;
    • le scale, i pianerottoli ed i ballatoi comuni.
    Nella determinazione della superficie assoggettabile alla tassa non si tiene conto della parte di essa dove si formano, in via continuativa e prevalente, rifiuti speciali non assimilati o non assimilabili ai rifiuti urbani, al cui smaltimento sono tenuti a provvedere a proprie spese i relativi produttori, a condizione che ne dimostrino l’avvenuto trattamento in conformità alla normativa vigente. Si considerano comunque non assimilabili i rifiuti prodotti nei magazzini di materie prime e di merci funzionalmente ed esclusivamente collegati all’esercizio delle attività produttive svolte nelle superfici di cui al periodo precedente.
     
    Nel caso in cui, per particolari caratteristiche e modalità di svolgimento dell’attività, vi sia una obiettiva difficoltà a definire la parte di superficie ove si formano rifiuti speciali non assimilati o non assimilabili ai rifiuti urbani, la superficie imponibile è calcolata forfettariamente applicando delle riduzioni percentuali all’intera superficie su cui l’attività viene svolta.
     

    Maggiori informazioni AREA TEMATICA/TRIBUTI www.comune.trieste.it

Entro quanti giorni: 0

Cosa fare

  • Regolamento IUC
  • Dati anagrafici, codice fiscale, dati catastali, eventuali planimetrie, possibilmente in scala 1:100
    Entro 31 gennaio dell’anno successivo all’evento.
    Carta Servizi Esatto

Dove andare

Trasparenza

Atto primario: L., Anno: 2013, N°: 147

Agostino Martelliti

0406754495

Istanza di parte - L'avvio del procedimento avviene con istanza di parte quando l'amministrazione viene sollecitata a procedere da un privato o da un'altra amministrazione

  • dott. Vincenzo Di Maggio  - Comune di Trieste

    dott. Davide Fermo  - Esatto spa

Data di aggiornamento: 11.03.2019