null Socialità anziani 2019
04 dicembre 2019

Socialità anziani 2019

Presentato in Municipio il nutrito programma di iniziative in occasione delle festività
Socialità anziani 2019

Al via il programma “Socialità anziani 2019” con tutte le numerose iniziative organizzate dal Comune di Trieste in occasione delle festività che sono state presentate stamane in Municipio dall’assessore comunale al Sociale Carlo Grilli. Presenti anche i rappresentanti delle associazioni e realtà partecipanti che hanno collaborato attivamente, assieme agli uffici comunali tra cui Stefano Farroli e Cristina Antonaz referenti per la socialità anziani del Servizio Sociale - per realizzare tutto il programma di attività per le persone anziane, soprattutto per gli anziani ‘soli’. Un aspetto molto importante posto in evidenza dall’assessore Grilli: “Ormai è risaputo che Trieste è una delle città italiane e a livello europeo con il più alto numero di anziani, ma anche per anziani ‘soli’ e per far fronte a questa situazione dobbiamo lavorare insieme, e in questo senso posso affermare che stanno crescendo le associazioni che condividono con noi questo percorso. La socialità anziani va ad abbracciare tutte le persone che vivono, specie in questo periodo, in solitudine – ha aggiunto Grilli - e riguarda tutti, dalle persone più abbienti alle meno abbienti, perché la ‘compagnia’ non si compra. Ringrazio tutti coloro che hanno collaborato con grande impegno e sforzo comune, con spirito di squadra, per far sì che ogni persona, assolutamente preziosa per questa comunità, vada tutelata e sostenuta”.

Stafano Ferroli ha rilevato un cambiamento di scenario che riguarda l’aumento dei casi di completo abbandono in cui versano molte persone anziane, pertanto “oggi più che mai è importante prevenire le situazioni di disagio e stare vicini agli anziani” grazie al protocollo attivo stipulato con tutti i soggetti del territorio.

Tangibile l’impegno per le numerose attività svolte dalle associazioni durante tutto l’anno, ha poi evidenziato Cristina Antonaz, anche per quanto attiene la cura e l’attenzione costanti per inserire e integrare gli anziani in tanti eventi e attività ricreative e non, e per costruire relazioni buone che li aiutino a combattere la solitudine.

 

Comts/RF