null Sigillo Trecentesco a Andreina Contessa, direttrice del Castello di Miramare
30 aprile 2021

Sigillo Trecentesco a Andreina Contessa, direttrice del Castello di Miramare

Nelle parole del sindaco Roberto Dipiazza la stima e gratitudine per l’importante opera di valorizzazione di un  patrimonio storico e culturale che rappresenta e porta Trieste  in Italia e nel mondo
Sigillo Trecentesco a Andreina Contessa, direttrice del Castello di Miramare

“Con stima e gratitudine per la preziosa opera svolta, che spero proseguirà ancora a lungo, nella valorizzazione del Castello e del Parco di Miramare, luoghi simbolo di Trieste a livello nazionale e nel mondo. Grazie alla sua intelligente e sapiente opera, queste “gemme preziose”, patrimonio della storia e della cultura della nostra città, sono diventate sempre più punto di riferimento e fulcro, capaci di far crescere con equilibrio, attenzione e lungimiranza, il valore di una città unica come la nostra Trieste che ora, superata la pandemia, è pronta a ripartire e rinascere”.
    Con queste parole il sindaco di Trieste Roberto Dipiazza ha conferito oggi (venerdì 30 aprile) il sigillo trecentesco della città ad Andreina Contessa, riconfermata direttrice del Castello di Miramare. 
    “Grazie per questo riconoscimento che rivolgo anche ai miei collaboratori – ha detto la direttrice Contessa -, un grande onore a suggello del dialogo con la città di cui mi sono subito innamorata e dei triestini. Vorrei che questo sigillo fosse una sorta di ‘certificato di adozione’, perché mi sento parte attiva di questa città che mi ha accolto calorosamente”.
    La consegna del significativo riconoscimento da parte del sindaco e della città è avvenuta nell’ambito dell’incontro “Miramare non solo numeri”, svoltosi nella sala del trono e in diretta streaming, che ha visto gli interventi di Andreina Contessa, del sindaco Roberto Dipiazza, del presidente della Regione FVG Massimiliano Fedriga, del direttore delle Gallerie degli Uffizi di Firenze Eike Schmidt, e del direttore de “Il Piccolo” e “Messaggero Veneto” Omar Monestier. L’incontro è stato un confronto sul percorso di crescita del sito culturale di Miramare, un’ utile occasione per riflettere, anche oltre i confini regionali, sul particolare momento vissuto dai musei.

Comts/RF