null San Giusto d’oro a Zeno d’Agostino.
10 dicembre 2019

San Giusto d’oro a Zeno d’Agostino.

Giovedì 12 dicembre, alle ore 11.00, la cerimonia nella sala del Consiglio comunale di Trieste

Giovedì 12 dicembre, alle ore 11.00, nella sala del Consiglio comunale di Trieste, alla presenza di autorità civili, militari e religiose, sarà conferito il 53° San Giusto d’Oro a Zeno D’Agostino, presidente dell’Autorità di Sistema Portuale del Mare Adriatico orientale.

La cerimonia è promossa dall'Associazione della Stampa del Friuli Venezia Giulia e dal Gruppo Giuliano Cronisti, in collaborazione con il Comune di Trieste e il contributo della Fondazione CRTrieste, che mette a disposizione ogni anno la statuetta opera dello scultore Tristano Alberti.

Con il San Giusto d’oro, i giornalisti triestini vogliono dare il giusto riconoscimento - a trecento anni dalla nascita del Porto Franco – a Zeno D’Agostino e al suo personale contributo allo sviluppo del porto, dunque del futuro di Trieste: uno sviluppo fatto di numeri importanti e in continua ascesa ma soprattutto di visione, di capacità di integrare i territori e di non accontentarsi della pur significativa crescita occupazionale. Merito anche della volontà del presidente D’Agostino di vivere la città, partecipando alla sua vita quotidiana e dialogando con i suoi protagonisti, tra cui gli operatori dell’informazione, senza limitarsi a governarne importanti e fondamentali processi dall’alto o dal di fuori.

 

 

Nel corso della cerimonia nella sala del Consiglio comunale (alla quale si potrà accede su invito e fino ad esaurimento dei posti disponibili) sarà anche conferita una targa speciale all’Associazione Giuliani nel mondo, premio alla capacità di una realtà che festeggia mezzo secolo di feconda attività e porta la triestinità nel mondo, in tutti e cinque i continenti, testimoniando vicinanza a chi è stato costretto a lasciare la propria terra e nutrendo anche attraverso un organo d’informazione le radici di ieri e le attività di oggi.

Il presidente D’Agostino va così ad aggiungersi al lungo elenco dei prestigiosi premiati del San Giusto d’Oro, dove figurano: il chirurgo Piero Valdoni (primo “San Giusto d’Oro” nel 1967), l’archeologo Doro Levi, la pittrice Leonor Fini, il Trio di Trieste, il regista Giorgio Strehler, il medico ricercatore Brenno Babudieri, il compositore Raffaello de Banfield, il fisico Paolo Budinich, lo scienziato Giorgio Pilleri, l’economista Pier Paolo Luzzatto Fegiz, il pittore Luigi Spazal, il bioingeniere Giorgio Bugliarello, il cantante lirico Piero Cappuccilli, lo scultore Marcello Mascherini, lo storico Diego de Castro, il violinista Franco Gulli, lo stilita Ottavio Missoni, il germanista Claudio Magris, il giurista Livio Paladin, il cardiologo Fulvio Camerini, il gallerista Leo Castelli, le Assicurazioni Generali, il critico d’arte Gillo Dorfles, la stilista Mila Schön, il musicista Lelio Luttazzi, lo scrittore Giorgio Voghera, il fisico Luciano Fonda, il campione sportivo Cesare Rubini, il vicepresidente di A.P. Claudio Erbsen, il Collegio del Mondo Unito dell’Adriatico, l’architetto Boris Podrecca, l’eurobanchiere Tommaso Padoa Schioppa, Gianfranco Gutty di Assicurazioni Generali, la cantante lirica Fedora Barbieri, La Barcolana, il presidente delle Comunità Ebraiche Amos Luzzatto, lo scrittore Boris Pahor, lo scrittore Manlio Cecovini, la stilista Raffaella Curiel, il medico UNICEF Marzio Babille, la cantante lirica Daniela Barcellona, il vescovo Eugenio Ravignani, il pittore Bruno Chersicla, l' IllyCaffè, lo scienziato Mauro Giacca, il coro “Illersberg”, la scrittrice Susanna Tamaro, l'attrice Ariella Reggio, don Mario Vatta, la Psichatria triestina, la Fondazione Luchetta Ota D’Angelo Hrovatin e la Comunità ebraica di Trieste.

Riconoscimenti straordinari sono stati assegnati inoltre ai Giuliani d’Australia e all’Associazione Triestini e Goriziani in Roma. Riconoscimenti speciali sono andati a Mario Nordio, Massimo Della Pergola, Demetrio Volcic, Lino Carpinteri e Mariano Faraguna, Mario Magajna, Tullio Kezic, Danilo Soli, Ugo Borsatti, Biancamaria Piccinino, Mario Suban, Mario Luzzatto Fegiz, Luciano Ceschia e agli studenti del liceo Petrarca.

COMTS-GC