null Sabato 25 maggio la XX Giornata nazionale contro l’Ictus cerebrale
23 maggio 2019

Sabato 25 maggio la XX Giornata nazionale contro l’Ictus cerebrale

In piazza Cavana, dalle ore 10 alle 17, i volontari dell’associazione A.L.I.Ce. FVG-Trieste, con controlli medici gratuiti e consigli sulla prevenzione.- L’iniziativa presentata oggi all'assessorato politiche sociali del comune

Ancora una volta l’associazione di volontariato A.L.I.Ce. FVG-Trieste (Associazione per la Lotta all'Ictus Cerebrale) proporrà alla cittadinanza, dalle ore 10 alle 17 di sabato 25 maggio, in piazza Cavana, il suo, ormai tradizionale, pubblico incontro annuale per svolgere, in linea con i suoi fini associativi, la propria ampia e completa azione di informazione e sensibilizzazione rispetto alla cura e soprattutto alla prevenzione di questa invalidante patologia. Una patologia tanto pericolosa quanto diffusa (con oltre 100 mila nuovi casi l’anno nel nostro Paese, dei quali ben 10 mila colpiscono anche le persone più giovani, con meno di 50 anni), fortemente costosa (16 miliardi di Euro per il Servizio sanitario nazionale e 5 miliardi per le famiglie ogni anno) e che tuttavia – come spiegano gli organizzatori – si potrebbe quantitativamente ridurre di almeno il 50% se si adottassero stili di vita più salutari e un maggior controllo medico sui soggetti a elevato rischio cardiovascolare.

In occasione della “Giornata nazionale contro l’Ictus cerebrale”, giunta alla XX edizione, medici e volontari aderenti ad A.L.I.Ce. forniranno dunque materiale illustrativo e risposte a interrogativi e dubbi su questo delicato tema, ma anche controlli gratuiti “in loco” della pressione arteriosa e del rischio cerebrovascolare. In tal senso, per poter effettuare i test sul “rischio ictus” saranno in piazza, a disposizione dei cittadini, un gazebo e un’ambulanza (con il supporto logistico dell'Associazione di Volontariato “Insieme” di Trieste). E nel caso il test segnalasse un aumentato livello di rischio, la persona interessata potrà anche sottoporsi immediatamente a un’ecografia carotidea (eco-doppler). Anche questa, come gli altri controlli, del tutto gratuita.

L’intera iniziativa, che – come detto - ha il fine primario di sensibilizzare alla prevenzione dell’ictus cerebrale, riconosciuto, nella società attuale, come uno dei fattori primari di invalidità, morte o demenza, e che proprio per tali motivi ha il patrocinio dell'ASUITS (Azienda Sanitaria Universitaria Integrata di Trieste) oltre che del Comune di Trieste e del Centro Servizi Volontariato FVG, è stata presentata stamane nel corso di una conferenza stampa alla quale sono intervenuti l’Assessore comunale alle Politiche Sociali, il presidente di A.L.I.Ce. FVG-Trieste Dario Mosetti, la dott.ssa Nadia Koscica, segretaria dell'Associazione e già direttore dell’Unità di intervento rapido anti-ictus (“Stroke Unit”) alla Clinica Neurologica dell'Ospedale di Cattinara e la fisioterapista Gabriella Lamprecht anch'essa del sodalizio di volontariato, presente pure il signor Maurizio Colbasso, dipendente comunale colpito da ictus alcuni anni fa e che anche grazie alla musicoterapia ha recuperato gran parte della disabilità ed è oggi componente del Coro degli Afasici oltre che del direttivo di A.L.I.Ce..

 

L'Assessore comunale alle Politiche Sociali ha sottolineato l'importanza della più ampia sensibilizzazione su questa patologia e, ancor di più, la fondamentale e primaria necessità di una quanto più vasta azione di prevenzione, in considerazione della rilevante incidenza che – come detto – uno stile di vita più adeguato e un frequente controllo medico sui soggetti a rischio comporta per una sensibile riduzione del fenomeno. In tal senso l'Assessore ha lodato A.L.I.Ce. per la benemerita azione che svolge, in uno spirito di puro volontariato e di dedizione ai singoli e alla società.

 

Il presidente di A.L.I.Ce. FVG-Trieste Mosetti ha quindi illustrato nei dettagli l'iniziativa di sabato mattina in piazza Cavana, che quest’anno, per la prima volta, vedrà anche la presenza di due dietiste che forniranno opportuni consigli per un diverso stile di vita e una dieta salutare. Mosetti ha anche ricordato le diverse attività “collaterali” di A.L.I.Ce., tra le quali in primo luogo la musicoterapia di gruppo, l’organizzazione del “Coro degli afasici”, sempre più apprezzato a livello nazionale e non solo, e l'edizione della rivista “AliceInforma”, adesso in veste rinnovata; rimarcando infine l'importanza delle “uscite” sul territorio, anche al di là della tradizionale “Giornata” di sabato (che tra l'altro si ripeterà domenica a Udine, in piazza XX Settembre, dalle ore 9 alle 13). In tal senso – ha detto – la “campagna” di controlli gratuiti della pressione arteriosa e del rischio cerebrovascolare ha già svolto una prima tappa nei giorni scorsi presso la “Microarea 1”, in via dell'Istria, nel complesso abitativo del “Vaticano” (con circa 40 test effettuati) e proseguirà lunedì 3 giugno alla “Microarea 2”, in Campi Elisi, nell'intento di toccare poi, quanto prima, anche i Comuni minori (Dolina) e i borghi carsici.

 

Anche la dott.ssa Nadia Koscica ha evidenziato la vitale importanza della rapidità di risposta all'ictus, innanzitutto da parte del colpito e già all'apparire dei primi segni premonitori. “Rivolgendosi immediatamente ai servizi sanitari, senza dubbi, timori o quanto mai pericolose attese o rinvii. Solo così – ha detto – il trattamento con il farmaco trombolitico capace di bloccare l'ictus potrà dispiegare tutta la sua pronta efficacia, essendo indispensabile somministrarlo al massimo entro 4 ore e mezza dall’inizio dell'attacco.” Ed è proprio grazie alla crescente sensibilizzazione della popolazione anche su questo punto – ha concluso la dott.ssa Koscica – se possiamo registrare negli ultimi anni una diminuzione dei casi. Con i migliori dati proprio nella nostra Regione, la quale si pone oggi al secondo posto in Italia dopo la Liguria per il numero di trattamenti ed efficacia dei risultati ottenuti, che stanno tra l'altro a certificare anche dell'alto livello qualitativo delle strutture sanitarie di pronto intervento e cura a ciò deputate.

 

 

COMTS – FS

Sabato 25 maggio la XX Giornata nazionale contro l’Ictus cerebrale