null Presentati dall’Assessore  Lorenzo Giorgi i nuovi macchinari di sanificazione per la lotta al Covid. Entreranno in funzione negli spazi interni del Palachiarbola e degli stadi Rocco e Grezar
28 gennaio 2021

Presentati dall’Assessore  Lorenzo Giorgi i nuovi macchinari di sanificazione per la lotta al Covid. Entreranno in funzione negli spazi interni del Palachiarbola e degli stadi Rocco e Grezar

Presentati dall’Assessore  Lorenzo Giorgi i nuovi macchinari di sanificazione per la lotta al Covid. Entreranno in funzione negli spazi interni del Palachiarbola e degli stadi Rocco e Grezar

 

    “Guardare avanti, al dopo domani, al graduale ritorno alla normalità, dotandosi dispositivi in grado di garantire una maggiore sicurezza contro la pandemia da Covid-19 partendo dallo sport”. Con questo spirito l’assessore comunale ai Servizi generali e Valorizzazione Immobiliare Lorenzo Giorgi ha presentato oggi (giovedì 28 gennaio) nel corso di una conferenza stampa, svoltasi nella sala stampa dello stadio Nereo Rocco, i nuovi macchinari acquistati dal  Comune di Trieste e destinati alla sanificazione di palestre e ambienti interni degli stadi Nereo Rocco, Pino Grezar e del PalaChiarbola, ovvero dei tre impianti sportivi che sono gestiti direttamente dal Comune. Presenti alla conferenza anche l’amministratore unico della Triestina Mauro Milanese, il direttore della Life Cups Aurelio Troiani con la responsabile tecnica Denise Calì, il direttore del Servizio Immobiliare Luigi Leonardi, la presidente della Commissione V Cultura e Sport Manuela Declich, nonché alcuni giocatori alabardati con capitan Alessandro Lambrughi e Federico Maracchi.
    “Dopo l’abbattimento dei canoni per il 2020, con la riforma sulle concessioni degli impianti e con le ulteriori riduzioni dei costi previsti per le palestre scolastiche, ora siamo tra i primi a voler garantire - ha spiegato l’assessore Giorgi – la possibilità di utilizzare spogliatoi e zone comuni che abbiano nella maniera più ampia sicurezza riguardo ai rischi della pandemia. Abbiamo fatto una ricerca approfondita, valutando tante aziende e quella che presentiamo oggi ci permetterà intanto di andare a sanificare spazi che gestiamo direttamente come il PalaChiarbola e gli stadi Grezar e Rocco, dando una risposta anche a centinaia e centinaia di ragazzi che frequentavano e spero potranno tornare a frequentare presto questi spazi aggregativi, sociali e culturali, che fanno capo allo sport e che sono gestiti dal mio assessorato”.    
    Il macchinario - hanno spiegato i rappresentanti della Life Cups – si avvale del Beyond che è una  tecnologia strategica in cui l’aria all’ingresso subisce in sequenza tre processi: purificazione, sterilizzazione e arricchimento con disinfettanti a base di perossido di idrogeno. Tale caratteristica consente di mantenere l’aria interna decontaminata in continuità, impedendo la sopravvivenza batterica e virale nell’aria  e sulle superfici esposte. Il macchinario è registrato come dispositivo medico di classe1, indicato per la decontaminazione ambientale mediante i processi di filtrazione e disinfezione  continua dell’aria. La tecnologia unica di cui si avvale il Beyond è l’Active Pure, un brevetto NASA che attualmente occupa la 38.ma posizione nella Hall Of Fame delle tecnologie nate in ambito aerospaziale della NASA. Il dispositivo è in grado di sanificare 410 metri cubi d’aria l’ora.
    Il Comune - con un investimento di 75 mila euro, relativo ai finanziamenti Covid del 2020 – potrà così avvalersi  di 34 dispositivi e della conseguente manutenzione prevista dal  contratto che garantiranno la sanificazione di ben 35 ambienti interni di PalaChiarbola, Rocco e Grezar. L’assessore Giorgi non ha escluso infine che, dopo questa prima sperimentazione e con l’auspicabile arrivo di ulteriori specifici fondi Covid, la soluzione adottata si possa estendere anche ad ulteriori palestre, impianti e strutture sportive di proprietà comunale. 
    “Ricordando che la Triestina ha un settore giovanile composto da 24 squadre, avere questi macchinari – ha ribadito l’amministratore unico della Triestina Mauro Milanese – ci da una grossa mano e siamo orgogliosi di essere stati scelti per questa soluzione, che consente di far calare il rischio da contagio e di rischiare di meno da oggi in avanti”.
    All’inizio della conferenza stampa, l’assessore Giorgi ha chiesto e  osservato un minuto di silenzio per ricordare Marco Luchetta, Alessandro Ota e Dario D’Angelo, inviati della Rai del Friuli Venezia Giulia in Bosnia, caduti a Mostar il 28 gennaio 1994.
COMTS-GC