null Presentate in municipio le iniziative del Comune di Trieste per il 20 novembre, nel 30° anniversario della convenzione ONU sui diritti dell'infanzia e dell'adolescenza
15 novembre 2019

Presentate in municipio le iniziative del Comune di Trieste per il 20 novembre, nel 30° anniversario della convenzione ONU sui diritti dell’infanzia e dell’adolescenza

Con diverse azioni concrete e interessanti spunti di riflessione
Presentate in municipio le iniziative del Comune di Trieste per il 20 novembre, nel 30° anniversario della convenzione ONU sui diritti dell’infanzia e dell’adolescenza

I diritti dei più piccoli, bambini e adolescenti, sono spesso trascurati o persino conculcati, anche violentemente, e ciò – come ha sottolineato stamane l'Assessore alla Scuola ed Educazione Angela Brandi presentando le prossime iniziative del Comune di Trieste sul tema - nonostante che ben 194 Paesi di tutto il mondo abbiano sottoscritto la Convenzione sui Diritti dell'Infanzia promossa giusto 30 anni or sono dalle Nazioni Unite.

 

L'Italia vi ha aderito nel 1991 e anche il nostro Comune intende fare la sua parte in tal senso, oltre che con la costante e concreta attività che i suoi Servizi quotidianamente svolgono a favore dei giovanissimi e delle loro famiglie, pure organizzando per questa particolare ricorrenza alcuni speciali appuntamenti direttamente connessi alla celebrazione del 20 Novembre, 30° Giornata internazionale per i Diritti dell'Infanzia e dell'Adolescenza; quindi fortemente simbolici ma, cionondimeno, molto significativi.

 

Tra questi spicca – ha spiegato oggi l'Assessore Brandi che era affiancata dalla presidente della competente V° Commissione consiliare (Cultura, Attività educative e ricreative, Politiche giovanili) Manuela Declich – il “percorso” intitolato ”Diritti e doveri hanno le stesse radici”, che si snoderà, nella giornata di mercoledì 20, attraverso diversi Asili Nido, Scuole dell'Infanzia e Ricreatori comunali, in collaborazione con Slow Food, sul tema appunto dei diritti, connessi però a un'azione di tutela ambientale. In tal senso saranno piantumate nelle varie sedi scolastiche delle piantine aromatiche, quale simbolo di vitalità duratura e di consapevolezza.

“L'obiettivo pertanto sarà duplice – ha sottolineato su questo punto la Brandi -: incrementare e valorizzare i nostri spazi verdi pubblici e, nel contempo, rimarcare un 'messaggio di consapevolezza' sui diritti, ma anche sui doveri che tutti noi abbiamo; noi adulti ma anche i bambini, questi ultimi in termini innanzitutto di educazione e di rispetto verso gli altri e – ancora una volta – verso l'ambiente le natura che ci circonda”. Ampliando inoltre questi insegnamenti e questo 'coinvolgimento' ai genitori e ai nonni dei piccoli, “poiché è giusto – ha ancora osservato l'Assessore Brandi – che siano i più grandi a occuparsi direttamente e concretamente dei diritti dei minori come pure della loro educazione ai doveri!”.

 

Le altre iniziative promosse dal Comune per ricordare i “quattro diritti fondamentali dell'infanzia” (diritto alla non discriminazione, alla titolarità di un 'superiore interesse', alla vita e all'ascolto delle loro esigenze) saranno l'adesione al progetto "Go Blue" dell'Unicef che prevede l'illuminazione simbolica nel colore blu, sempre nella Giornata del 20 novembre, di un monumento significativo della città che, nel nostro caso, sarà la Fontana del Nettuno di piazza della Borsa, e, quindi, nel pomeriggio del 21, con inizio alle ore 16.30, nella Sala del Consiglio, in Municipio, la cerimonia della proclamazione degli eletti del 4° Consiglio Comunale delle Ragazze e dei Ragazzi, composto da 21 scolari e studenti di istituti cittadini, frequentanti classi dalla 4° elementare alla 2° media, che opererà per il prossimo biennio, affrontando i principali temi di educazione civica e attualità cittadina “vista con lo sguardo dei ragazzi”.

 

La presidente della V° Commissione Manuela Declich, dal canto suo, ha evidenziato “la grande importanza di queste iniziative, intese quale significativo contributo per una crescita sana dei nostri piccoli cittadini, sia dal punto di vista materiale e fisico che culturale ed educativo.”

 

COMTS – FS