null Presentata in Municipio la grande kermesse musicale “100x100”: cento eventi per festeggiare i cento anni della “Civica Orchestra di Fiati Giuseppe Verdi - Città di Trieste”
05 aprile 2019

Presentata in Municipio la grande kermesse musicale “100x100”: cento eventi per festeggiare i cento anni della “Civica Orchestra di Fiati Giuseppe Verdi - Città di Trieste”

Da domani, sabato 6 aprile, per un intero anno, fino al marzo 2020
Presentata in Municipio la grande kermesse musicale “100x100”: cento eventi per festeggiare i cento anni della “Civica Orchestra di Fiati Giuseppe Verdi - Città di Trieste”

Sarà vastissimo, qualificato e multisettoriale – sia per diversità di generi musicali che per intendimenti e obiettivi da conseguire da parte degli organizzatori – il programma composto da ben 100 appuntamenti presentato oggi in Municipio e mirato a “omaggiare” al più alto livello il centenario di vita della Civica Orchestra di Fiati “Giuseppe Verdi - Città di Trieste”, nota fino a qualche decennio fa come Banda Cittadina.

Un programma che, in occasione di questo così speciale anniversario, è stato emblematicamente intitolato “100 x 100: Cento eventi per i Cento anni della Civica Orchestra di Fiati “Giuseppe Verdi - Città di Trieste” e che è stato illustrato in tutti i suoi dettagli dai rappresentanti della “Civica”, con la vicepresidente Valentina Tedesco (assente per impegni educativi il presidente prof. Giovanni Baldini) e la responsabile dell'organizzazione nonché della Scuola di musica Martina Starace, precedute dall'introduzione del competente Assessore ai Teatri del Comune di Trieste.

Ha aperto dunque la presentazione l'Assessore comunale ai Teatri, sottolineando, con soddisfazione e dichiarata grande ammirazione verso la Civica Orchestra e il suo operato, come il poter celebrare oggi questo Centenario significhi aver lavorato bene e con costanza e passione, da tanto tempo, un tempo lungo un secolo, e senza interruzioni. Aggiungendo poi di aver potuto, personalmente e nei tempi più recenti, direttamente constatare l'estrema serietà di questo impegno, contrassegnato in particolare dal desiderio di diffondere l'interesse e l'amore per la musica, in particolare fra i più giovani, cominciando fin dai bambini, attrezzando proprio per loro scuole e corsi specifici; oltre a dimostrare una notevole capacità di intessere più che opportuni rapporti internazionali con istituzioni musicali analoghe. Per concludere complimentandosi con la gran quantità di eventi che la Civica è riuscita a mettere in campo per questo speciale progetto del Centenario, caratterizzati però sempre anche da una più che alta qualità.

E' toccato quindi alla vicepresidente Valentina Tedesco tracciare un più che pertinente, sintetico excursus storico del complesso, dal suo primo sorgere nel 1919 con la denominazione di Società Bandistica “Giuseppe Verdi” (sotto la conduzione musicale del Maestro Alberto Montagna) fino al suo ufficiale riconoscimento come “stabile istituzione comunale” nel 1934, da parte del Podestà Paolo Salem, acquisendo allora quella denominazione di “Banda Cittadina Giuseppe Verdi” con la quale rimase nota a tutti fino al 1996, anno in cui il complesso bandistico triestino, sotto la presidenza di Domenico de Luca, assunse l’attuale e più ampia e confacente denominazione di “Civica Orchestra di Fiati Giuseppe Verdi - Città di Trieste”, attivando anche nel medesimo periodo una Scuola di musica tuttora in piena attività. Oggi l'Associazione “Civica Orchestra di Fiati “Giuseppe Verdi - Città di Trieste” conta circa 800 soci fra strumentisiti, collaboratori e allievi della Scuola di musica, la quale, oltre che a Trieste, ha aperto sedi anche a Gorizia e a Udine, instaurando proficue collaborazioni e convenzioni con i teatri, i conservatori e le scuole di musica dell'intera Regione.

La responsabile dell'organizzazione Martina Starace ha illustrato infine, con grande chiarezza, il davvero ampio, molto articolato e ambizioso programma dell'entrante “stagione” della Civica che – come detto – con la sigla “100x100” si dispiegherà, con il dichiarato intento celebrativo, per un anno intero, a partire da questo mese di aprile 2019 fino al marzo 2020, presentando appunto più di cento eventi. Per la riuscita di questo complesso progetto la Starace non ha mancato di ringraziare il Comune di Trieste e in particolare il suo Assessorato ai Teatri per la co-organizzazione e i relativi supporti forniti e la Regione Friuli Venezia Giulia per il sostegno assicurato.

Spiegando poi, nel dettaglio, come, stante la varietà e la complessità degli eventi e delle iniziative proposte, la suddetta Stagione sia stata suddivisa in tre filoni: divulgazione, spettacolo e formazione.

Quanto all'aspetto della “divulgazione”, questo filone si propone in particolare lo scopo di incentivare il pubblico alla fruizione e all’ascolto consapevole della musica. Un obiettivo – ha detto Martina Starace - che si vuole perseguire attraverso una serie di lezioni musicali aperte, a ingresso libero che si terranno fra aprile e maggio 2019 al caffè letterario “Lettera Viva” di Trieste, con il coinvolgimento dei docenti e dei rispettivi allievi della Scuola di musica della Civica, e, similmente, con le lezioni-concerto degli “Aperitivi in Musica”, anch’esse a ingresso gratuito, talvolta anche con la partecipazione di esperti Maestri e musicisti; con questa seconda modalità sono stati previsti 9 incontri che si terranno, nel periodo autunno-inverno, tra novembre 2019 e marzo 2020, al Caffè Tommaseo.

Il filone dello “spettacolo” raccoglierà invece in sé la totalità dei concerti caratterizzati da un format tradizionale, con due tipologie: i “Concerti della tradizione” e i “Concerti alla Piccola Fenice”.

I primi comprendendo tutti quegli eventi musicali offerti e noti da tempo alla cittadinanza triestina, in particolare per celebrare le nostre ricorrenze tradizionali e le Feste della Città, i più significativi il “Concerto di San Giusto” eseguito ogni anno il 3 novembre nel giorno del Santo Patrono, stavolta nella prestigiosa sede del Teatro “Verdi”, e il “Concerto di Capodanno” che ancora una volta si terrà, come da tradizione appunto, il 1 gennaio 2020, al Teatro “Bobbio”.

E poi i “Concerti alla Piccola Fenice” quando, tra questo aprile e il marzo 2020, verranno ospitati in questo spazio teatrale ben 29 appuntamenti musicali, in questa sede con concerti molto vari ed eterogenei e differenti tipologie di ensemble strumentali e vocali che si esibiranno in altrettanto svariati generi musicali.

All'interno del filone della “formazione” le attività e gli spettacoli proposti si porranno il prezioso e fondamentale fine di promuovere fra i giovani e i giovanissimi la diffusione dell’arte musicale e la creazione di nuovi e appassionati musicisti. Guardando, tra l'altro, non solo a un target di pubblico ma abbracciando diverse tipologie di possibili fruitori, da “Il mio primo concerto” (spettacolo a ingresso gratuito dedicato ai bambini più piccoli, fino ai 3 anni), alle lezioni “Nota per Nota” rivolte ai bambini e ai ragazzi delle scuole, ai Saggi degli allievi della Scuola di Musica, importante occasione formativa per confrontarsi con un pubblico, ai Masterclass di perfezionamento musicale, fino ai concorsi di composizione.

A “corredo” e “ciliegina sulla torta” di tutte queste numerosissime attività, la Starace ha infine annunciato la Mostra “100 x 100”, ovvero una più che opportuna e significativa mostra storica che ripercorrerà le vicende della Civica in questi 100 anni e che si terrà nel dicembre prossimo alla Sala espositiva comunale “Umberto Veruda” di Palazzo Costanzi.

Da rilevare che tutte le notizie, le novità e tutti gli aggiornamenti che l'attuale programma potrà prevedere saranno pubblicati sulla pagina dedicata del nuovo sito web della “Civica”: www.orchestradifiati.it/100x100.

Intanto, il primo appuntamento, ad apertura di questa ampia “stagione”, sarà già domani, sabato 6 aprile, alle ore 20, con un Concerto inaugurale alla “Piccola Fenice” di via San Francesco 5, con l'Orchestra al completo e il pianoforte solista Luca Delle Donne, che eseguiranno musiche di Pusceddu, Grieg, Doss, Kozhevnikov e Webber, a ingresso libero.

 

COMTS - FS