null Mascherine al 100% dei 105.542 nuclei familiari del territorio. Gli altri interventi e le attività dei diversi gruppi di Protezione Civile organizzati dal Comune, nel nuovo “Punto della situazione” svolto oggi dal Vicesindaco Paolo Polidori.
15 maggio 2020

Mascherine al 100% dei 105.542 nuclei familiari del territorio. Gli altri interventi e le attività dei diversi gruppi di Protezione Civile organizzati dal Comune, nel nuovo “Punto della situazione” svolto oggi dal Vicesindaco Paolo Polidori.

Che ha ringraziato tutti, a nome dell'Amministrazione municipale e della città, “per la presenza, efficienza e costante impegno messo in campo”
Mascherine al 100% dei 105.542 nuclei familiari del territorio. Gli altri interventi e le attività dei diversi gruppi di Protezione Civile organizzati dal Comune, nel nuovo “Punto della situazione” svolto oggi dal Vicesindaco Paolo Polidori.

Un nuovo “punto” sulla situazione della distribuzione delle mascherine protettive anti-Covid-19 sul territorio comunale, ma anche su tutte le altre molteplici attività e interventi che i diversi nuclei di volontari di protezione civile operanti nella nostra città, coordinati dalla Protezione Civile del Comune di Trieste, stanno tuttora conducendo, è stato svolto oggi dal Vicesindaco e assessore alla Sicurezza e Protezione civile Paolo Polidori assieme ai componenti dei suddetti Gruppi di volontari e al Vicecomandante della Polizia Locale Paolo Jerman che ricopre anche l'incarico di Direttore del Servizio di Protezione Civile Comunale.     

“Per quanto concerne le mascherine – ha detto Polidori, partendo da questo primo tema, nel suo intervento tenuto all'Autoparco di viale Miramare, scelto, come noto, quale base operativa-organizzativa della distribuzione – va detto che l'obiettivo di raggiungere il 100% delle famiglie triestine è stato conseguito e completato proprio in questi giorni con la consegna di un totale di 114.307 confezioni (composte ognuna da due mascherine lavabili e riutilizzabili) a tutti i 105.542 nuclei familiari iscritti nelle 894 “sezioni di censimento” costituite per la rilevazione della popolazione del 2019 (e il cui schema si è seguito, piuttosto che quello meramente topografico, per una maggior chiarezza organizzativa).”     

“La distribuzione – ha ancora osservato in merito il Vicesindaco -, anche alla luce del mutato scenario emergenziale, della buona qualità delle mascherine consegnate - di lunga durata e, come detto, riutilizzabili -, e comunque della contemporanea attuale disponibilità dei dispositivi sul mercato – diversamente dalla prima fase, quando il virus era in crescita paurosa ma le mascherine non si trovavano -, si può ritenere, per il momento, così conclusa. Restando peraltro sempre valida – ha concluso su questo punto Polidori - la possibilità per ogni cittadino che per qualunque motivo non abbia effettivamente ricevuto la confezione (eventuale disguido, sottrazione dalla cassetta postale ecc.) di rivolgersi in qualsiasi momento alla Polizia Locale o alla Protezione Civile comunale per richiederla e ottenerla immediatamente.”     

“Ma non bisogna dimenticare – ha voluto sottolineare e mettere in guardia Polidori – che l'emergenza da Covid-19, pur se attenuata, non si può assolutamente ritenere superata. Perciò, anche per questo, e in uno spirito comunque di attenzione e vigilanza, tutte le altre attività e interventi che il Comune e tutti i nuclei di protezione civile cittadina hanno compiuto in questi oltre due mesi (era il 12 marzo scorso quando la Direzione Regionale della Protezione Civile annunciò il passaggio dallo stato di emergenza alla fase di allarme per il Covid-19, n.d.r.) e stanno tuttora compiendo proseguiranno anche in questa “Fase 2” e per i mesi a venire”.

Fra questi – ha elencato nel dettaglio Polidori – vanno ricordati il servizio di asporto rifiuti alle persone poste in quarantena domiciliare per essere risultate positive al “Coronavirus” e le richieste di supporto per la spesa e per acquisti in farmacia da parte di cittadini anziani (anche  assistiti dal Servizio Sociale Comunale o richiedenti tramite il numero verde di Televita 800 388 688); esigenze per le quali sono pervenute in totale, fra marzo e aprile, 1147 richieste, 170 delle quali da parte di utenti Covid-19 positivi. In tal senso, particolare attenzione è stata posta nel supporto alle famiglie in quarantena per le quali il solo Gruppo Comunale di protezione civile ha preso in carico 55 famiglie Covid-19 positive, programmando in particolare i delicati interventi di asporto rifiuti, con le necessarie specifiche indicazioni sanitarie-operative.   

 Inoltre, accanto alla distribuzione alla cittadinanza, i volontari hanno pure provveduto alla consegna delle mascherine protettive alle case di riposo comunali (1.700 mascherine), alle numerose case di riposo private (58.455 esemplari), alle altre strutture assistenziali (con 23.585 pezzi), nonché, in base alla normativa, alle 171 diverse attività produttive operanti sul territorio.     

Da rilevare infine che, a supporto dell’attività sanitaria, sono state allestite due tende per il pre-triage davanti all’Ospedale Maggiore e una tenda per l’effettuazione dei tamponi in via Ralli, oltre all'intervento di emergenza (della squadra dei Pompieri Volontari), ancora a supporto del personale sanitario, per la delimitazione e sanificazione di alcuni ambienti delle case di riposo comunali interessate da casi di contagio.     

Per tutte queste attività la Protezione Civile comunale ha impiegato 855 volontari, in 54 giorni di lavoro, per un totale di 5.852 ore.     

E mentre per le consegne delle mascherine, oltre ai volontari del Gruppo Comunale, si sono fortemente impegnate anche le associazioni ANA (Associazione Nazionale Alpini), Scout Amis e CNGEI, Corpo Pompieri Volontari, Vigili del Fuoco Volontari, Associazione Nazionale Carabinieri, Associazione Nazionale Finanzieri e Associazione Polizia Locale, con un totale di 138 volontari, per gli altri aspetti di assistenza generale alla popolazione hanno ulteriormente operato 16 associazioni con 239 volontari: Amis Scout, CNGEI Scout, Agesci Scout, Comunità di Sant'Egidio, Associazione Goffredo de Banfield, Roiano per Tutti, Anvolt Onlus, Trieste Magna, Pane Nostrum, Il Ponte Onlus, Comunità di San Martino al Campo, Fare Ambiente, Spesa Solidale, AISM (Associazione Italiana Sclerosi Multipla), Caritas della parrocchia di San Giovanni Decollato e Caritas di San Sergio Martire.     

A tutti il Vicesindaco Polidori, parlando oggi di “una Città dove il volontariato è da sempre lodevolmente molto attivo e che, anche grazie a questa attività, si è notevolmente distinta per presenza ed efficienza anche in questo frangente del contrasto al Covid-19”, ha rivolto “un vivissimo ringraziamento a nome dell'intera Amministrazione Municipale e della Città tutta, per il forte, quotidiano e costante impegno messo in campo da tutti i gruppi e associazioni.”

COMTS – FS