null Nuovo “Luna Park” di Montebello
07 marzo 2019

Entra in funzione sabato mattina (con inaugurazione “ufficiale” nel pomeriggio, alle ore 16), in piazzale De Gasperi, il nuovo “Luna Park” di Montebello.

Resterà in attività fino a domenica 14 aprile e sarà rivolto soprattutto ai bambini e ai ragazzi più piccoli.
Entra in funzione sabato mattina (con inaugurazione “ufficiale” nel pomeriggio, alle ore 16), in piazzale De Gasperi, il nuovo “Luna Park” di Montebello.

Sarà inaugurato “ufficialmente” sabato pomeriggio, 9 marzo, alle ore 16, in piazzale De Gasperi (ma in realtà comincerà a entrare in funzione già in mattinata), il nuovo “Luna Park” di Montebello, “pensato” e organizzato in una veste appunto rinnovata, stavolta con giochi e attrazioni più spiccatamente rivolte ai giovanissimi, ovvero ai bambini e ragazzini più piccoli; e anche gli orari di apertura (meno “notturni”) saranno dimensionati in tal senso.   
    L'iniziativa, che ha il sostegno del Comune di Trieste per la sua indubbia valenza sociale e ricreativa, è stata presentata stamane in Municipio con l'intervento dell'Assessore al Coordinamento Eventi Lorenzo Giorgi e dei due principali coordinatori delle attività del “luna park” Adriano Rosada e Stefano Sambo.

    Ha introdotto l'Assessore Giorgi sottolineando come l'area di Montebello rappresenti un “sito storico” di insediamento per questo tipo di manifestazioni, “motivo anche questo – ha detto - per cui è più che benvenuta una riproposizione che ci aiuta a conservare questa gradita presenza; tanto più oggi, essendo stata essa rivista e maggiormente, anzi quasi esclusivamente, “ritagliata” a beneficio del divertimento dei bambini e delle loro famiglie”.

    Un dato, questo della “storicità” del “Luna Park” di Montebello, che è stato subito dopo  confermato – con qualche tono nostalgico - anche dai due organizzatori che ne hanno ricordato le fasi “gloriose”, fin dai tempi della presenza anglo-americana nella Trieste del dopoguerra e del Governo Militare Alleato – stante anche la vicinanza delle caserme, da quelle di via Cumano alla “Beleno” - e poi negli anni “ruggenti”, dai '50 ai '70, con gli autoscontri, allora gettonatissimi al ritmo delle musiche da juke box, e le tante altre attrazioni che attiravano all'epoca un pubblico di ragazzi e giovani di età già più matura ma anche di tanti adulti. Un punto focale e sempre molto frequentato e atteso, insomma, per i modelli di divertimento di quegli anni...
    “Ora – hanno proseguito Rosada e Sambo – i tempi sono cambiati e l'attenzione è rivolta soprattutto ai bambini e alle famiglie, e di conseguenza anche le attrazioni sono cambiate. Ma il divertimento al “Luna Park” resta indiscusso, anche se in termini e modi un po' diversi dai precedenti.” 
    “Adesso trionfano – hanno spiegato – i “giochi nautici” in mini-piscine, le piccole “gabbie volanti”, la “pesca delle rane”, le giostre, mentre tra le novità avremo la “miniera” (con un trenino che entra nelle buie gallerie...). Non ci sarà invece il “miniautoscontro” a causa di un guasto meccanico purtroppo verificatosi proprio in questi giorni, ma non mancheranno i classici “gonfiabili”, il “truccabimbi”. Nel complesso, un bell'assortimento di attrazioni, cui andrà ad aggiungersi una fornitissima “dispensa” di frittelle, pop corn e bibite di ogni tipo. Zucchero filato gratuito nella giornata di sabato 23 marzo.”

    Appuntamento dunque a Montebello, a cominciare da questo sabato, per proseguire fino a domenica 14 aprile, con orario di apertura sabato e domenica dalle 10.30 alle 13 e – dopo una pausa meridiana – dalle 14.30 alle 20; nei giorni feriali solo il pomeriggio dalle 15 alle 19.30.


COMTS – FS