null Maker Faire Trieste
01 settembre 2020

Maker Faire Trieste

Presentata la “Festa dell’ingegno, della creativita’ e della scienza” che quest’anno sbarca in Piazza Unita’ il 4 e 5 settembre
Maker Faire Trieste

La settima edizione della “MAKER FAIRE TRIESTE”, la due giornate di festa dell’ingegno, della creativita’ e della scienza, organizzate da Comune di Trieste, ICTP, Immaginario Scientifico, FIT, da quest’anno si farà in piazza dell’Unità d’Italia, venerdì 4 e sabato 5 settembre, dalle 14 alle 21. Ingresso gratuito.

Alla conferenza stampa di presentazione sono intervenuti, tra gli altri, l’assessore comunale alle Attività Economiche, Teatri ed Esof2020, l’assessore regionale alle Autonomie Locali, il direttore dell’Immaginario Scientifico Seerena Mizzan, per il Festival “Science in the city” di Esof2020 la curatrice Paola Rodari, Sandro Scandolo per l’Ictp, il prof. Sergio Fantoni, Carlo Fonda ed Enrique Canessa coorganizzatori per l’Ictp.

La due giorni porterà la creatività nel centro di Trieste, in piazza Unità d’Italia, con l’attesissima festa dei maker: due giorni pieni di inventori, creativi, scienziati e soprattutto maker, con attrazioni tecnologiche per tutte le età.

Un evento che si auspica faccia sì che la conoscenza scientifica sia diffusa in modo capillare e che la ricerca sia sempre più significativa anche dal punto di vista e economico, come sottolineato dall’assessore a Esof2020, e ancor più con lo sviluppo del nuovissimo Centro Congressi appena inaugurato in Porto Vecchio. Un Centro vero ‘emporio di innovazione’ accanto ai prossimi insediamenti di aziende di Bio High Tech che vedrà ulteriormente Trieste protagonista del mondo della scienza, a dimostrazione delle eccezionali opportunità in questo campo a livello internazionale.

La Maker Faire porterà scienza, tecnologia, innovazione, creatività e… tantissimo divertimento. Un evento per il grande pubblico per il festival “Science in the City” di ESOF2020: il tradizionale appuntamento della Trieste (non-più-Mini) Maker Faire –che dal 2014 attira ogni anno migliaia di visitatori nel campus del Centro di Fisica di Miramare– e che con questa edizione diventa più grande, abbraccia la scienza e le tecnologie spaziali e si sposta nella prestigiosa e affascinante sede del “salotto buono” della città di Trieste. Oltre un centinaio di makers e scienziati, passanti e cittadini giovani e meno giovani, appassionati della prima ora e curiosi last minute– si immergeranno in un entusiasmante viaggio nella creatività, nella tecnologia e nella ricerca, per scoprire insieme invenzioni e progetti stupefacenti, sempre imparando ma alla maniera del maker: divertendosi, esplorando, giocando e sperimentando assieme a robot, droni, stampanti 3D, e mille altre cose…

La due giorni in piazza Unità–in questo anno 2020 che, pur nelle mille difficoltà del periodo, onora il capoluogo giuliano del titolo di città europea della scienza– perde il “Mini” nel titolo per crescere a livello internazionale e incorpora al suo interno un settore dedicato alla scienza e uno incentrato invece su scienza e tecnologia dello spazio. La già spettacolare festa dell’ingegno e della creatività si reinventa e si espande. Come già negli anni scorsi l’evento Maker Faire Trieste gode del sostegno istituzionale e finanziario della Regione Friuli Venezia Giulia, mentre il Comune di Trieste è partner e co-organizzatore dell’evento, assieme all’ICTP, alla FIT e al Laboratorio dell’Immaginario Scientifico di Grignano: quest’ultimo, presente già dalla prima edizione a Grignano, quest’anno porterà le sue storiche e preziose competenze nella divulgazione di argomenti scientifici e tecnologici e provvederà alla complessa organizzazione della logistica nel centro cittadino. Partner tecnico è il FabLab Scientifico dell’ICTP, che diffonde e promuove il nome della città di Trieste a livello internazionale attraverso la rete delle Maker Faire, di MAKE Community e dei Fablab, grazie al contributo del Comune di Trieste.

La Maker Faire Trieste 2020 non sarà solamente un’esposizione di invenzioni, progetti e prototipi originali dei maker, ma comprenderà anche un settore per scoprire e interagire con la scienza e uno incentrato su scienza e tecnologia dello spazio. Mostrerà, fra gli oltre 50 progetti presentati dai 120 maker presenti, numerose attrazioni: droni e ROV subacquei; dei famosi robot del cinema; due ciclo-maker che insegneranno a riparare la bicicletta; skatchers che insegneranno a disegnare dal vivo; cosplayer, steapunk e legionari romani; stampanti 3D; fablab; radioamatori; invenzioni anti-covis; esperimenti scientifici fai-da-te; idee geniali per il riciclaggio e sostenibilità; archeologia e stampa 3D; incredibili laser; una piattaforma per il lancio dei razzi ad acqua; orologi di Leonardo; macchine crttografiche antiche; esperimenti e dimostrazioni di robotica, informatica, elettronica ecc.

Obiettivo primario dell’evento è quello di avvicinare soprattutto i giovani al lato creativo di questi campi del sapere umano, di appassionarli al loro affascinante mondo e di incuriosirli verso un possibile futuro professionale in questi àmbiti. Il pubblico a cui i partner e gli espositori si rivolgono spazierà da quello dei giovanissimi fino agli adulti. Non sono previste attività dedicate espressamente alla scuola, visto il periodo estivo di svolgimento dell’evento. La maggioranza dei maker giungerà dalle quattro province di Trieste, Udine, Gorizia e Pordenone ma come nelle passate edizioni si attendono anche espositori provenienti da fuori regione. Tutti possono essere maker!

 

Comts/RF