null Magica Trieste. Si accendono le luci per un Natale pieno di emozioni
28 novembre 2019

Magica Trieste. Si accendono le luci per un Natale pieno di emozioni

51 abeti natalizi, 18 km di luci, 60 mila led e 680 luminarie: presentati gli effetti che promuovono Trieste tra le città e capitali europee meta per le festività natalizie e di inizio-fine anno. Per il Sindaco Dipiazza “la citta’ si presentera’ bellissima e sara’ una soddisfazione per tutti”

Oggi pomeriggio (giovedì 28 novembre) alle ore 17.00 in piazza Unità d’Italia a Trieste saranno accese le luci dei 24 abeti, con la novità della grande stella cometa, che rappresentano e rinnovano l’immagine natalizia della città a livello internazionale. L’appuntamento sarà salutato dal sindaco Roberto Dipiazza, dall’assessore alla Cultura, Sport, Turismo ed Eventi Giorgio Rossi, dal presidente di Federalberghi Guerrino Lanci e dai canti dei bambini della scuola dell’infanzia “Delfino Blù”. Sarà questo il via all’accensione di tutte le luci del Natale in città, ovvero dei 51 abeti e delle luminarie stradali sospese, con ben 680 impianti, 18 km di luci e oltre 60 mila led.

Nel corso di una conferenza stampa, il sindaco Roberto Dipiazza, l’assessore alla Cultura, Sport, Turismo ed Eventi Giorgio Rossi, il presidente di Confcommercio Antonio Paoletti, il rappresentante di Federalberghi Maurizio Giudici e Federico Trevisan e Diego Radin per Hera AcegasApsAmga hanno illustrato le modalità e caratteristiche di questo comune e sinergico impegno per caratterizzare e promuovere la città a livello turistico, in particolare in concomitanza con le festività natalizie e di fine-inizio anno, per rendere sempre più Trieste una delle mete europee più interessanti anche a Natale.

Ricordando la positiva collaborazione messa in atto, l’assessore Giorgio Rossi ha spiegato come “l’intento è stato quello di riproporre e ampliare lo spirito natalizio in città e nei rioni. 51 sono gli abeti, di cui 4 grandi di circa 13 metri: rispettivamente uno donato da Auronzo in piazza della Borsa, uno donato da Sappada in Piazza Sant’Antonio, uno donato da Tarvisio in piazza Goldoni e uno donato da Arta Terme in largo Barriera”.

Quest'anno, per il servizio di decorazione con le luminarie stradali sospese, il Comune ha investito 150 mila euro finanziati con il gettito dell'imposta di soggiorno. A ciò si sono aggiunti ulteriori 50 mila euro con il contributo di numerosi commercianti, grazie al coordinamento di Confcommercio – CAT Terziaria, il tutto al fine di ampliare il numero delle vie interessate e dare maggiore omogeneità all'immagine natalizia e alla promozione della città. L'atmosfera magica del Natale in città sarà arricchita anche dalla diffusione delle musiche natalizie in piazza Unità e in piazza della Borsa, con un vasto repertorio di brani della tradizione, che spazieranno dal classico valzer in stile viennese all'amato evergreen “Jingle Bells Rock”.

“La città si presenterà bellissima e sarà una soddisfazione per tutti” - ha detto il sindaco Roberto Dipiazza – soffermandosi in particolare sull’importanza delle ricadute economiche del turismo in questo particolare periodo e evidenziando anche l’ottimo lavoro svolto insieme da tutti i soggetti interessati, in particolare Hera AcegasApsAmga che, “nonostante il maltempo e l’acqua altra è riuscita a far funzionare tutto”.

“Quest’azione - ha sottolineato il presidente Paoletti - è stata resa possibile grazie anche alla volontà, di oltre 600 imprese, di “accendere il Natale” nel capoluogo giuliano, ma pure alla disponibilità dell’amministrazione comunale e di quella di Federalberghi, che si traducono con la messa a disposizione di un budget di 300 mila Euro complessivi, 150 mila Euro per il 2019 e altri 150 mila sul 2020, per la collocazione appunto delle luminarie”. “Quest’iniziativa - ha rilevato ancora Antonio Paoletti – che vuole contribuire a rendere in misura sempre maggiore attrattiva la nostra città, anche in periodi di afflusso limitato di visitatori, almeno rispetto ad altri periodi dell’anno, testimonia come sinergia e cooperazione, tra imprese, associazioni di categoria e istituzioni, siano una premessa fondamentale per giungere a risultati importanti a beneficio del tessuto produttivo e sociale dell’intero territorio”.

Il forte spirito di collaborazione è il positivo risultato raggiunto anche con impegno di Hera Luce sono stati evidenziati da Federico Trevisan e Diego Radin che hanno ricordato anche la cinquantina di abeti scelti insieme, la quarantina di persone impiegate per posizionare circa 18 mila km di luci, con 60 mila led e 680 luminarie sulle vie del centro ma anche a San Giacomo e a Opicina. Il tutto per offrire a Trieste, ai suoi concittadini e turisti un mese di dicembre e un inizio del nuovo anno ricco di emozioni e suggestioni.

COMTS-GC

Magica Trieste. Si accendono le luci per un Natale pieno di emozioni