null Lilt for women - #vivilrosa - campagna nastro rosa “con-vivere” e vivere con il tumore al seno metastatico
08 ottobre 2019

Lilt for women - #vivilrosa - campagna nastro rosa “con-vivere” e vivere con il tumore al seno metastatico

Proiezione del cortometraggio “la notte prima” e dibattito con esperti e rappresentanti delle istituzioni sabato 12 ottobre alle 17.00 all’ auditorium del museo Revoltella

“Con-Vivere” e vivere con il tumore al seno metastatico. Su questo tema nell’ambito della Campagna Nastro Rosa 2019 per la prevenzione del tumore al seno si svilupperà un appuntamento pubblico, promosso dalla Lilt, Lega italiana per la lotta contro i tumori, in programma a Trieste sabato 12 ottobre 2019, all’auditorium del Museo Revoltella, via Diaz 27, con inizio alle ore 17.00.

Sarà proiettato il cortometraggio “La notte prima”, di Annamaria Liguori, presente la regista, cui seguirà una tavola rotonda/dibattito con i rappresentanti delle istituzioni e gli espetti sociosanitari e giuridici. “Con-Vivere” significa “abitare insieme, fare vita comune nello stesso luogo” e il convivente in questo caso è il tumore metastatico. Una convivenza difficile, che necessita di molti e continui aggiustamenti per poter vivere il più serenamente possibile con sé stesse e con il mondo.

È questa la sfida che molte donne devono affrontare. Complessivamente in Italia vivono 767.000 donne che hanno avuto una diagnosi di carcinoma mammario. Le stime internazionali indicano che il 20-30% delle donne colpite dal tumore al seno svilupperà metastasi nel corso della vita. I numeri sull'incidenza del tumore al seno metastatico (o IV stadio) per l’Italia di Airtum 2018, Associazione italiana registri tumori, è di 37 mila donne che “Con-Vivono” con questa malattia curabile, ma non guaribile. Per garantire a queste donne di poter vivere con buona qualità, è necessario non solo un team multidisciplinare di Breast Unit che si prenda cura di loro e le segua nel follow-up, ma anche che la comunità sia sensibilizzata ai problemi che queste donne incontrano nel loro quotidiano di mogli, mamme e lavoratrici per le quali spesso sono assenti o ignorate soluzioni socio-giuridiche attuabili. Attorno a queste donne va costruita un’alleanza anche sociale che riconosca loro il valore umano e professionale spesso negato e si faccia carico dei momenti di difficoltà psico-fisica che le cure possono comportare. Queste donne spesso sono costrette a vestire l’abito del guerriero invincibile al quale non è concessa la “pietas”, quel sentimento di amore, compassione e rispetto che meriterebbero, sia in ambito di comunità, come la famiglia, che in ambito lavorativo.

L’evento si colloca nell’ambito del “Metastatic Breast Cancer Awareness Day”, celebrato il 13 ottobre in molte parti di Europa e degli USA, dove è nato nel 2009, e vuole essere uno spunto di riflessione e di sensibilizzazione sul tema che, partendo dal cortometraggio, liberamente ispirato ad una storia vera, apre il dibattito con gli esperti e le istituzioni per un nuovo dialogo dove poter far crescere la cultura del sostegno ad una fragilità, molto spesso non vista e riconosciuta, come quella delle donne con tumore metastatico.

Il convegno è promosso da Lilt Trieste in co-organizzazione con l’Assessorato alle Politiche Sociali del Comune di Trieste, la Commissione Pari Opportunità del Comune di Trieste, la Breast Unit dell’Azienda Sanitaria Universitaria integrata di Trieste, e con il sostegno di Europa Donna. Interverranno Carlo Grilli, assessore alle Politiche Sociali del Comune di Trieste, Francesca De Santis, assessore alle Pari opportunità del Comune di Trieste, Laura Di Pinto, presidente Commissione Pari opportunità del Comune di Trieste, Adele Maggiore, vice commissario dell’area sanitaria Asuits, Mara Pellizzari, vice commissario dell’area socio-sanitaria di Asuits, Marina Bortul, responsabile Breast Unit di Asuits, Rita Ceccherini, responsabile Oncologia senologica e dell’apparato riproduttivo di Asuits, Daniela Infantino, avvocato e vice-presidente Nucleo etico per la pratica clinica di Asuits, Ernestina Cariello, psicoterapeuta e scrittrice, Chiara Valenti Omero, presidente Maremetraggio e presidente Afic, Associazione festival italiani di cinema. Modera Bruna Scaggiante, presidente Lilt Trieste e docente Università degli Studi di Trieste.

COMTS