null Le navi al tempo del Porto Franco di Trieste 1719
07 marzo 2019

Le navi al tempo del Porto Franco di Trieste 1719

Visita guidata domenica 10 marzo ore 10.30

Quando – spiega il professor Walter Macovaz - nel 1719 Carlo VI dichiara Trieste Porto Franco creando una favorevole prospettiva economica per i mercanti che trattano merci lungo la via di Costantinopoli e del Mar Nero, infinite sono le tipologie delle navi che queste merci trasportano : marciliane, sciabecchi, pieleghi, trabaccoli, galere zacale, tartane, polacche, galeazze, galeoni. Costruite in legno, e mosse dal vento con una velocità di 3 – 6 nodi (soltanto quando questo c’era) di una lunghezza per lo più soltanto 15 – 30 metri con una capacità di carico di 20 – 100 tonnellate e condotte da 5 – 10 marinai. Immancabile, per i vascelli più grandi, qualche cannone a bordo, per difendersi dai pirati che allora infestavano il Mediterraneo. Oggi – continua il professor Macovaz - nello stesso porto arrivano navi lunghe 365 metri, che trasportano 14.000 containers da 20 piedi ciascuno per una portata di circa 200.000 tonnellate, con una velocità di 25 nodi e un equipaggio di circa 30 uomini.

L'incontro di terrà presso il Civico Museo del Mare di Trieste di via di Campo Marzio, 5 ad ingresso libero fino ad un massimo di 30 persone, non è prevista la prenotazione.

Le navi al tempo del Porto Franco di Trieste 1719