null IMU-Ravvedimentooperoso

IMU - Ravvedimento operoso

Chi non ha pagato l’acconto o il saldo dell'IMU entro le scadenze stabilite, può ricorrere all’istituto giuridico del ravvedimento operoso, che consente al contribuente di pagare in ritardo l'imposta dovuta pagando contemporaneamente anche una piccola sanzione, in misura ridotta rispetto alla sanzione normale (che è pari al 30%), e gli interessi, conteggiati sulla base del numero di giorni di ritardo. La riduzione della sanzione varia a seconda del numero di giorni di ritardo.

Come fare

  • Come si calcolano gli interessi
     
    Per il ravvedimento del tardivo versamento la sanzione ridotta deve essere calcolata con le seguenti modalità:
     
    • entro il 14° giorno dalla scadenza del termine in cui il pagamento doveva essere eseguito, la sanzione è pari allo 0,1% giornaliero del valore dell’imposta dovuta, per ogni giorno di ritardo (ravvedimento sprint);
    • dal 15° giorno al 30° giorno dalla scadenza del termine in cui il pagamento doveva essere eseguito, la sanzione è pari al 1,5% dell’imposta dovuta (ravvedimento breve);
    • dal 31° giorno al 90° giorno dalla scadenza del termine in cui il pagamento doveva essere eseguito, la sanzione è pari al 1,67% dell'imposta dovuta;
    • dopo 90 giorni dalla scadenza del termine in cui il pagamento doveva essere eseguito, ed entro 1 anno dalla scadenza del termine in cui il pagamento doveva essere assolto la sanzione è pari al 3,75% dell’imposta dovuta (ravvedimento lungo);
    • dopo un anno e fino a due anni la sanzione è pari al 4,29% dell’imposta dovuta;
    • dopo due anni la sanzione è pari al 5% dell’imposta dovuta.
    Gli interessi sono gli interessi legali calcolati sul tasso di riferimento annuale con maturazione giorno per giorno (interessi giornalieri)
     
    Per il ravvedimento della tardiva presentazione della dichiarazione IMU è possibile effettuare il ravvedimento operoso versando una sanzione ridotta ad 1/10 del minimo previsto per l’omissione della dichiarazione, se la presentazione viene effettuata con un ritardo non superiore ai novanta giorni pari a 5 euro.
     
    Il pagamento della sanzione ridotta deve essere effettuato prima della presentazione della dichiarazione e copia della ricevuta del pagamento va allegata alla dichiarazione stessa.
     
    Oltre il termine di 90 giorni per le omissioni dichiarative non è più possibile ricorrere all’istituto del ravvedimento operoso.
     
    Si riportano gli interessi da applicare (interessi legali con tasso di riferimento annuale via via stabilito con decreto ministeriale) con maturazione giorno per giorno: 0,05% dal 01/01/2020
    • In caso di ravvedimento, le sanzioni e gli interessi vanno versati sommandoli all'imposta e quindi con lo stesso codice tributo. L'importo da pagare (cioè la somma dell’imposta, della sanzione ridotta e degli interessi dovuti) va versato mediante modello F/24 ordinario o semplificato in banca o in posta, prestando particolare attenzione a barrare obbligatoriamente la casella relativa al ravvedimento. Il ravvedimento operoso è utilizzabile solo se la violazione non è stata già contestata e comunque non sono iniziate attività amministrative di accertamento delle quali il contribuente ha avuto formale conoscenza.
    • Con la conversione in Legge del Decreto Fiscale 2020 (pubblicato in Gazzetta Ufficiale il 24/12/2019) viene esteso ai tributi locali il ravvedimento lungo oltre l'anno dopo la scadenza, già disponibile per i tributi erariali. Quindi adesso è possibile effettuare versamenti per imposte dopo un anno (e fino a due anni) con una sanzione pari al 4,29% (1/7 della sanzione) e dopo due anni con una sanzione del 5% (1/6 della sanzione).

Entro quanti giorni: 0

Dove andare

Contatti

Sede

Trieste, PIAZZA del Sansovino 2

Orari

Orario di apertura al pubblico:

Dal Lunedi Al Martedi 08:30 - 16:00
Mercoledi 08:30 - 13:30
Dal Giovedi Al Venerdi 08:30 - 16:00

Trasparenza

Atto primario: D.lgs., N°: 472 Del: 1997,

Atto secondario: D.lgs., N°: 158 Del: 2015,

Istanza di parte - L'avvio del procedimento avviene con istanza di parte quando l'amministrazione viene sollecitata a procedere da un privato o da un'altra amministrazione

Data di aggiornamento: 31.01.2020