null Cosa leggi, Trieste? la nuova campagna social con tanti progetti, attività, esperienze, per la realizzazione del Museo della Letteratura
23 aprile 2020

Cosa leggi, Trieste? la nuova campagna social con tanti progetti, attività, esperienze, per la realizzazione del Museo della Letteratura

Cosa leggi, Trieste? la nuova campagna social con tanti progetti, attività, esperienze, per la realizzazione del Museo della Letteratura

Progetti, energie, esperienze, attività saranno al centro della nuova campagna social dal titolo “Cosa leggi, Trieste?” condivisa dal Sistema Bibliotecario Giuliano e dal Patto di Trieste per la Lettura promossa da LETS – Letteratura Trieste, un luogo virtuale (un sito e i profili social) che concorrerà alla realizzazione del Museo della Letteratura, già in cantiere nella sede storica della Biblioteca civica di Trieste.

La campagna è un invito a raccontare per immagini le proprie letture e a condividerle sui canali social di LETS -Letteratura Trieste, delle biblioteche e dell’Emeroteca del Comune di Trieste a partire dal 23 aprile, Giornata mondiale del libro e del diritto d’autore. E continuerà tutto il mese di maggio, che per tradizione è dedicato alla promozione della lettura con la campagna nazionale Il Maggio dei Libri, sostenuta dal MIBACT.

Condividere le proprie letture è un gesto di generosità intellettuale. In questo tempo sospeso, LETS – Letteratura Trieste invita a condividere emozioni attraverso i libri su Instagram e Facebook con gli hashtag #LETSread2020  #ioleggoacasa  e gli esclusivi segnalibro e etichetta LETS.

Segnalibro e etichetta, con tutte le istruzioni per l’uso, sono disponibili sulla home page del sito Letteratura Trieste www.letteraturatrieste.it e sulle pagina facebook https://www.facebook.com/letteraturatrieste/ così come sui canali social di Biblioteca Hortis, Quarantotti Gambini e Mattioni, dove la campagna LETS viene declinata con un’attenzione in più ai lettori delle biblioteche.

La Biblioteca Hortis chiede ai suoi lettori di condividere foto dei prestiti scaduti, i libri della Biblioteca Civica che non sono potuti tornare ai loro scaffali e sono accasati sul comodino o sulla scrivania dei loro lettori, ma anche gli scatti dei prestiti in corso, compresi gli e-book. Perché ogni libro in prestito è un libro che non ha ancora finito il suo viaggio, è un pò della Hortis a casa propria. È un filo che tiene lontani ma vicini i lettori e le biblioteche. La pagina su cui postare le foto è https://www.facebook.com/bibliotecahortis/ 

Invece, la Biblioteca Quarantotti Gambini, invita i lettori a segnalare il proprio libro del cuore e condividerlo con una foto o una citazione, per creare una lista di lettura degli amici della Biblioteca sulla pagina facebook https://www.facebook.com/bibliotecaquarantottigambini/ 

Mentre la Biblioteca Mattioni propone una rubrica settimanale intitolata “Curiosa narrativa” con quiz e curiosità su opere, premi letterari ed autori che sono presenti nel catalogo della biblioteca digitale https://www.facebook.com/bibliotecamattioni/ 

Il Maggio dei libri riserverà sicuramente altre novità e contenuti interessanti e divertenti, anche per la didattica distanza. Li troverete pubblicati sui profili social e sui siti delle biblioteche di tutto il Sistema Bibliotecario e del Patto per la lettura.

In queste giornate in cui leggere è forse il modo migliore di avere cura di sé, l’invito a condividere libri e letture sui social, a creare stories su Facebook e Instagram usando il segnalibro o l’etichetta LETS e gli hashtag #LETSread2020 e #ioleggoacasa è un invito a non fermarsi. Perché chi legge davvero non si ferma mai.


Comts/RF