null Conferenza in ricordo di Anna Gruber
01 febbraio 2020

Conferenza in ricordo di Anna Gruber

Mercoledì 12 febbraio, alle 17.30, nella Sala B.Bazlen di Palazzo Gopcevich
Conferenza in ricordo di Anna Gruber

Mercoledì 12 febbraio, alle ore 17.30, nella Sala Bobi Bazlen di Palazzo Gopcevich, si terrà una conferenza in ricordo di Anna Gruber, attrice, aiuto regista e segretaria di edizione di personaggi che hanno fatto la storia del cinema italiano, quali Germi, De Sica, Blasetti e molti altri.

Vent'anni fa, proprio il 12 febbraio, Anna Gruber moriva a Trieste, dove era nata il 24 maggio 1929, primogenita di Carlo Gruber, amico di Saba, Bazlen, Giotti, e di Aurelia Benco, figlia del giornalista e scrittore Silvio Benco.

Diplomata al Centro Sperimentale di Cinematografia, Anna lavorò anche con Mario Soldati, Alberto Lattuada, René Clemént, Martin Ritt, Richard Fleischer e Orson Welles.

Pur vivendo a Roma, mantenne sempre stretti legami con la cultura triestina, anche tramite la rivista Umana,diretta dalla madre Aurelia Gruber Benco, a cui collaborò.

Nel 1953 aprì a Roma un Actor’s Studio assieme ad altri diplomati del CSC e nel 1963 fondò a Trieste la Scuola dell’Attore, con l’intento di dare ai nuovi interpreti una preparazione che, facendo proprio il metodo Stanislavsky, formasse un professionista capace di spaziare dal teatro al cinema alla televisione. La scuola chiuse a meta degli anni Settanta, quando Anna venne chiamata a Roma da Franco Cristaldi, per il quale lavorò alla ricerca di volti nuovi per il cinema. Realizzò, per la Rai di Roma e di Trieste, programmi radiofonici e televisivi e, nel 1978, su commissione del Comitato per le onoranze nel cinquantenario della morte di Svevo girò il film Da ciò che dura a ciò che passa, con i testi di Stelio Mattioni e le musiche di Gianni Safred, custodito oggi al Museo Sveviano.

L’Archivio Diplomatico della Biblioteca Civica di Trieste conserva, nel Fondo famiglie Benco Gruber, materiali attestanti l’attività cinematografica di Anna Gruber degli anni 1952–1967, inclusi copioni, soggetti e sceneggiature, trasmissioni radiofoniche e televisive (1963 -1974), opere teatrali (1956–1970), le iniziative promosse con l’Associazione culturale duinese, racconti, poesie e libri, fotografie e recensioni.

L'incontro, introdotto dalla direttrice del Servizio Musei e Biblioteche del Comune di Trieste, dr. Laura Carlini Fanfogna, si avvarrà della competenza della giornalista Marina Silvestri che ha lavorato sui documenti dell'Archivio Diplomatico per ricostruirne la biografia e il lavoro nel mondo del cinema e della televisione.

Seguirà poi l'intervento del docente di Storia del Teatro Paolo Quazzolo sull'esperienza degli Actor's Studio e le testimonianze di Elsa Fonda e Anna Rosa Rugliano.

Saranno, infine, proiettati alcuni spezzoni del documentario sulla Trieste di Svevo e l'intervista fatta ad Anna Gruber da Orson Wells sulla sua amicizia con l'attrice Gina Lollobrigida.

 

COMTS