null Biennale internazionale donna 2021
18 febbraio 2021

Biennale internazionale donna 2021

Il sindaco ha ricevuto in municipio la principessa Gabriela Von Habsburg, scultrice e curatrice della terza edizione della manifestazione che si svolgera' in maggio

Il Sindaco di Trieste Roberto Dipiazza ha ricevuto in Municipio la principessa Gabriela von Habsburg, scultrice e curatrice della Biennale Internazionale Donna 2021 che sarà ospitata al Magazzino 26 in Porto Vecchio, a metà del mese di maggio.

La principessa che era accompagnata dalla prof. Antonella Caroli Palladini, presidente della Sezione di Trieste di Italia Nostra - fra le fondatrici della Biennale assieme alla compianta Barbara Fornasir - e da Isabella e Romano Artioli, si trova a Trieste per curare la selezione delle 150 opere già pervenute finora.

Giunta alla terza edizione, la finalità della Biennale Internazionale Donna di Trieste, tra le uniche manifestazioni di questo genere che sta via via crescendo – è stato ricordato - è quella di mostrare l'arte femminile in tutte le sue diverse espressioni: pittura, scultura, performance art, fotografia, poesia, arte digitale. E la terza edizione del 2021 ha come obiettivo di offrire 'respiro creativo' a tutte le artiste internazionali, lasciando spazio alle loro “riflessioni sull’attualità”, ovviamente tenendo conto dei vincoli sanitari e quindi anche dell’aspetto del digitale. La nuova edizione che vede la partecipazione della principessa Gabriela von Habsburg, curatrice di chiara fama a cui è affidata anche la direzione artistica, si avvarrà anche di un comitato scientifico internazionale.

Dipiazza, rivolgendo un caloroso benvenuto alla principessa von Habsburg e ai presenti, ha parlato dell’importanza della valorizzazione del Porto Vecchio con manifestazioni di alto livello artistico-culturale come la Biennale Donna che “sono uno splendido biglietto da visita per la città e fungono da attrattiva alle svariate opportunità che offre tutta l’area, in un momento di complessivo grande rilancio”.

“Sono lieta di assistere alla continuazione della “Biennale Internazionale Donna” qui a Trieste e di avere l'opportunità di verificare nuovamente le dinamiche e la varietà di così tante artiste talentuose in questo ambiente unico. E’ importante dare visibilità alle artiste donne in un luogo adatto per presentare il loro modo originale di esprimere creatività e talento – ha affermato Gabriela von Habsburg - e per comunicare nel proprio linguaggio idee e produzioni artistiche”.

“La Biennale 2021 è dedicata alla nostra ex curatrice, l'architetto Barbara Fornasir, scomparsa il 18 maggio 2019 – ha sottolineato la presidente De Caroli - alla quale era affidata anche la direzione artistica della mostra. Il suo contributo è stato fondamentale alla buona riuscita delle precedenti due edizioni della BID. Diversi sono i progressi che sono stati fatti e senza dubbio questa edizione richiede uno sforzo considerevole per fare quel salto di qualità che tutti noi auspichiamo, in un anno ancora più difficile dei precedenti, ma che ci regala la possibilità di comunicare anche online dagli spazi del Magazzino 26 storico magazzino portuale”.


 

Comts/RF

 

Biennale internazionale donna 2021