null A Franco De Falco, indimenticabile goleador alabardato, il sigillo trecentesco della Citta’ di Trieste
09 dicembre 2019

A Franco De Falco, indimenticabile goleador alabardato, il sigillo trecentesco della Città di Trieste

La consegna sotto l’imbandierata curva Furlan dello stadio Nereo Rocco
A Franco De Falco, indimenticabile goleador alabardato, il sigillo trecentesco della Città di Trieste

Amara sconfitta quella di ieri (domenica 8 dicembre) allo stadio Rocco, dove la Triestina ha perso per 0 a 1 contro il Modena. Un bel primo tempo, dove gli alabardati hanno avuto almeno 4 occasioni per passare in vantaggio e poi una ripresa equilibrata, con la beffa nel finale del gol dei “canarini” sull’unico tiro in porta degli ospiti.

Aspettando tempi migliori e soprattutto un pronto recupero verso la zona play off degli uomini di mister Gautieri, quella d’ieri è stata la giornata di Franco De Falco, indimenticabile bomber alabardato, premiato dal Comune di Trieste con il sigillo trecentesco della città sotto l’imbandierata curva Furlan, presenti tra gli altri il sindaco Roberto Dipiazza, il vicesindaco Paolo Polidori, la presidente della Commissione Sport Manuela Declich, l’amministratore unico dell’USTriestina Calcio Mauro Milanese e i rappresentanti della tifoseria organizzata.

Nell’ambito del primo secolo di vita dell’Unione, le cui iniziative si stanno concludendo in questi giorni, Totò De Falco è stato l’attaccante che con la maglia alabardata ha messo a segno ben 82 reti, in sette stagioni tra serie C e B, tanto da risultare il miglior goleador dell’USTriestina Calcio 1918. Con 25 gol nella stagione 1982/1983, assieme a una splendida squadra, De Falco portò gli alabardati dalla C alla B. In tanti ieri sugli spalti si sono chiesti… chissà se un De Falco avrebbe messo dentro una delle occasioni capitate nei primi 45 minuti?

COMTS-GC