null "Ora no, tesoro!"

"Ora no, tesoro!"

Presentato oggi in municipio lo spettacolo di beneficenza de l'Armonia coorganizzato dal Comune che andrà in scena al teatro Rossetti l'11 dicembre 

E' stato presentato stamane in Municipio lo spettacolo di beneficenza “Ora no, Tesoro!” de L'Armonia, coorganizzato dal Comune, che andrà in scena al Politeama Rossetti l'11 dicembre, alle ore 20.30, nella Sala Assicurazioni Generali, nell'ambito del Festival internazionale Ave Ninchi de L'Armonia – Associazione tra le Compagnie Teatrali Triestine.
All'incontro hanno partecipato Serena Tonel, assessore comunale ai Teatri, Giuliano Zannier, presidente de L'Armonia con il vicepresidente Paolo Dalfovo e Sabrina Censky, Segreteria Organizzativa e Ufficio Stampa de L'Armonia, Daniela Cola e Rosa Balanzin del Comitato “Cielo Aperto” e la dott. Alessandra Guglielmi, primario di Oncologia dell'Ospedale Maggiore di Trieste.
La divertente commedia “Ora no, tesoro!”di Ray Cooney, messa in scena dalla compagnia Teatrale Ex Allievi del Toti-F.I.T.A., è ambientata nell’elegante Atelier Fru Fru della Trieste degli anni 20, con interpreti: Walter Bertocchi, Cristina Primavera, Andrea Cattin, Eva Stanich, Claudio Petrina, Erika Giugovaz, Cristina Barbieri, Roberto Tramontini, Barbara Termini Tramontini. Traduzione di Maria Teresa Petruzzi (per gentile concessione della MTP Concessionari Associati S.r.l. - Roma), adattamento in dialetto triestino di Roberto Tramontini e Walter Bertocchi, regia di Paolo Dalfovo.Musiche originali di Gian Agresti - Scene e Costumi: Giulia Zuccheri - Si ringraziano per la collaborazione il Gruppo “Penelope, far e disfar xe tuto un lavorar” e la Modisteria “Ullalà Cappelli” di Michela Puzzer - Scenotecnico: Paolo Prelog - Direttrice di scena/suggeritrice: Paola Tramontini - Luci e suoni: Tullio Maran. Grafica:Barbara Termini Tramontini
Il ricavato della serata di beneficenza del 26° Festival Internazionale AVE NINCHI sarà devoluto a favore del Reparto di Oncologia dell’Ospedale Maggiore di Trieste, per l'acquisto di apparecchiature mediche. Il progetto ideato e promosso da Daniela Cola e Rosa Balanzin del neo costituito Comitato Cielo aperto e dal vice presidente de L’Armonia, Paolo Dalfovo, si svolge con il contributo del Comune di Trieste e il sostegno degli sponsor: Supermercati Conad della provincia di Trieste, Banca di Credito Cooperativo del Carso, Salumificio Principe, Primo Aroma Caffè, Madison Bar Gelateria. E con la collaborazione del Lions Club Duino Aurisina.
“Rivolgo un sentito ringraziamento a L'Armonia per il rinnovato impegno nel sociale che vede ancora una volta la partecipazione del Comune e a tutti coloro che condividono iniziative di valenza etica come questa che contribuiscono ad alleviare le sofferenze di molte persone e che quest'anno, con lo spettacolo di alta qualità e professionalità in programma, andrà a favore del reparto oncologico dell'Ospedale Maggiore”.
Il presidente Zannier ha espresso grande soddisfazione per l'iniziativa: “E' motivo di orgoglio poter mettersi ancora una volta a disposizione per il bene della città. L’Armonia per il secondo anno ha sposato immediatamente il progetto proposto dal Comitato Cielo Aperto, a dimostrazione di quanto importante sia la continuità dell’impegno nel sociale. Si è offerta ospitalità nell’ambito del Festival e massima collaborazione, considerato che anche quest’anno l’obiettivo della serata è quello di raccogliere i fondi necessari a portare sollievo alle persone ammalate. Mentre Rosa Balanzin e Daniela Cola, che hanno istituito il Comitato “Cielo Aperto” hanno parlato del percorso solidale iniziato tre anni fa organizzando eventi benefici: “Questa è la seconda volta al Teatro Rossetti per il nostro neo-comitato. La prima volta, con le rappresentazioni teatrali al Rossetti e al Bobbio, siamo riusciti ad acquistare un'auto medicale per l'Ospedale Infantile Burlo Garofalo. Con questo nuovo spettacolo contiamo di poter donare al reparto di Oncologia dell'Ospedale Maggiore un ecografo portatile e un'apparecchiatura per chi si deve sottoporre alle cure chemioterapiche”.
Ringraziamenti sono stati quindi rivolti a tutti gli sponsor da Sabrina Censky, in particolare a Primoaroma Caffè, che in occasione dello spettacolo offrirà un omaggio agli spettatori e al bar gelateria Madison che ha già acquistato un congruo numero di biglietti per i suoi clienti: “E' molto importante riuscire a 'fare squadra' con partnership per il benessere delle persone e della città”.
La dott.Guglielmi, rivolgendo un particolare grazie di cuore al comitato Cielo Aperto per l'entusiasmo e l'impegno finora dimostrati con azioni di rilevante beneficio, ha sottolineato l'importanza della 'leggerezza e giocosità' che infonde lo spettacolo: “Quando nella vita si devono superare situazioni difficili e di sofferenza, aiuta moltissimo sia dal punto di vista del benessere psicologico sia fisico concedersi momenti di svago divertenti. L'obiettivo primario è poter migliorare sempre i servizi medico-sanitari per i cittadini anche mantenendoci in stretto contatto con altre strutture ospedaliere del territorio”.
“Non sarà l'unico evento benefico nell'ambito del Festival Ave Ninchi – ha detto quindi il vicepresidente Dalfovo – e l'Armonia, oltre al piacere di svolgere attività benefiche, ha già ottenuto vari riconoscimenti: “Miglior spettacolo” alla rassegna Scenario al Teatro Ruffo di Sacile (PN); premio L’Armonia “miglior interprete maschile” ad Andrea Cattin per la 33ma Stagione del Teatro in Dialetto Triestino; premio L’Armonia “miglior scenografia” sempre per la 33ma Stagione; menzione speciale per le scenografie ed i costumi alla Rassegna “Risate a… Gradisca 2018”. “ORA NO, TESORO!” si svolge a Trieste, dopo la metà degli Anni Venti, le ferite della Grande Guerra si stavano rimarginando e ritornava una gran voglia di vivere. Nella centrale via Battisti, non più Corsia Stadion, brulicante di folla, tram e tassì, di fronte alla “Casa dei zoti”, a poca distanza dal Caffè San Marco, il rinomato “Atelier Fru Fru” di Frullani e Frulich confezionava pregevoli pellicce d'alta moda. Le signore, pur di avere un modello esclusivo prestavano il loro corpo ad estenuanti prove e così, parafrasando Dante, “galeotta fu la pelliccia” ... per il direttore e la sua amante! Tutto sarebbe filato liscio, se la moglie non fosse tornata all'improvviso dalla dorata spiaggia di Grado...

BIGLIETTO UNICO € 10,00 IN PREVENDITA PRESSO LA BIGLIETTERIA DEL POLITEAMA ROSSETTI E IL TICKET POINT DI CORSO ITALIA A TRIESTE (1° P.) CON € 1,00 DI MAGGIORAZIONE.


Comts/RF

"Ora no, tesoro!"